Tè con Sandy e Mea!

Dopo una lunga pausa estiva😎😎😎 , eccoci di nuovo qui con le nostre interviste. Domani, 20 novembre 2020, ci sarà un’intervista molto interessante! Vi aspettiamo e vi auguriamo una buona lettura. 👀👀👀👀👀

Frammenti di Una Capoverdiana

Indipendenza di Capo Verde

“Labanta braço bo grita bo liberdadi. Grita povo indipendenti, grita povo bo liberdadi”

(Alza le braccia e urla la tua libertà! Urla popolo indipendente, urla popolo la tua libertà)

Quarantacinque anni fa Capo Verde diventava un paese indipendente. Il cinque luglio del 1975 l’arcipelago prese l’indipendenza insieme alla Guinea Bissau dal Portogallo, grazie al leader politico Amilcar Cabral e a tutte le persone che persero la loro vita per la libertà di questi due paesi. VIVA CABO VERDE.

La comunità capoverdiana di Genova omaggia Capo Verde con un videomessaggio:

VIVA CABO VERDE

Intervista a Veronica Santos

Veronica Santos

Veronica Santos, più conosciuta come Vona, è arrivata in Italia il 24 dicembre del 2010. E’ nata a Capo Verde, isola di Sal (Pedra de Lume), il 31 dicembre del 1976. Figlia di Fatima Martins e Gabriel Santos. Da piccola il suo sogno era venire in Italia dai suoi genitori e dai suoi fratelli, ma il motivo principale per il quale è venuta è stata sua figlia, Kyanna, che soffriva di convulsioni. A Capo Verde fecero tantissimi esami e fu diagnosticato alla figlia l’epilessia. A Genova invece scoprirono che non era niente di tutto ciò. Ormai era qui con la figlia, così decise di rimanere lasciando un buon lavoro, un compagno e una vita piena di successi.

Veronica è una persona simpatica, dinamica, allegra, riservata ed ama la sua famiglia! Per lei la famiglia è molto importante.

Sandy: “Buongiorno Vona e benvenuta a Tè con Sandy e Mea. Allora, chi è Veronica?”

Veronica: “Chi è Veronica? Iniziamo dal nome, mi chiamo Veronica Santos e sono nata a Pedra de Lume, isola di Sal. Sono una persona allegra, educata e sono cresciuta con la mia nonna che mi insegnò a rispettare le persone ed amare la mia famiglia. Amo la mia figlia, ho un grande rispetto verso i miei genitori visto tutti i sacrifici che hanno fatto per noi figli”.

Sandy: “Sei arrivata in Italia nel 2010, qual è stata la tua prima impressione? Uscire dalla realtà capoverdiana per una nuova, hai trovato tante differenze o difficoltà?”

Veronica: “Il mio viaggio è stato molto stancante, ho fatto scalo prima a Lisbona e poi sono arrivata a Malpensa, Milano. Ero con la mia figlia, fra l’altro non stava tanto bene, aveva la febbre. Quello che mi è colpito tanto al mio arrivo qui è stato il freddo. Non ero assolutamente abituata al freddo, indossavo una giacca leggera. Il mio volo Lisbona- Milano arrivò con un ritardo di sei ore, non ebbi il modo di avvertire i miei genitori e quindi ricordo che ero molto agitata e preoccupata. Tra stanchezza, la mia bambina di tre anni in braccio e valigie, non è stato un viaggio per niente facile ma poi vidi i miei parenti e tutto svanì. Così iniziò un’altra avventura nella mia vita, il viaggio per Genova tra pioggia e freddo”.

Sandy: “Com’è stato lasciare tutto per venire qui? È stata una decisione difficile, nonostante fosse il tuo sogno sin da piccola?”

Veronica: “In realtà sono arrivata nel periodo natalizio, mia madre era stata appena operata, un’operazione molto complicata e delicata, un tumore al cervello. Non è stato un arrivo sereno, ero un po’ triste e preoccupata. Mia madre era in ospedale, ci rimasi fino al 31 dicembre e fu operata ben due volte. Quello che mi colpì tantissimo della città furono i colori dei palazzi, la pioggia e il freddo. Non mi piaceva indossare tutti quei vestiti, giacche pesanti, calze lunghe e mia sorella mi sgridava sempre, mi diceva di vestire bene e di non uscire con le ballerine. Sì, è stato difficile lasciare il mio grande amore, padre di mia figlia. Stavamo insieme da quando avevo sedici anni, abitavamo insieme e la nostra figlia è stata voluta e pianificata. Per due anni abbiamo provato ad averla e c’è stato un momento che pensai che non potevo avere figli ma poi arrivò lei. Ho lasciato un pezzo di me a Capo Verde…il mio amore”.

Sandy: “So che tua figlia è bravissima a disegnare. Ho visto dei suoi quadri, i miei complimenti. Puoi raccontarci un po’ di lei e dei suoi progetti nell’arte del disegno?”

Veronica: “Mia figlia è stupenda. Una bambina bellissima, educata, studiosa (ha dei bei voti a scuola) ed ama disegnare. Suo padre è falegname e fa sculture in legno, ha preso da lui la passione per l’arte. Lei vorrebbe diventare una stilista e quest’anno farà la terza media”.

Sandy: “Un tuo pregio? Un tuo difetto?”

Veronica: “Non sono una persona perfetta e neanche cattiva, dedico la mia vita alla mia famiglia. Quando ero giù prendevo cura della mia nonna e della mia zia, ero e sono sempre presente nella mia famiglia. Sono una persona tranquilla, amichevole e di un buon cuore. Un mio difetto? Uhm? Ridere troppo ha ha ha”.

Sandy: “Una frase o una citazione capoverdiana che non dimenticherai mai?”

Veronica: “Quem tem se odje mau ba ptal na mar (Chi ha lo sguardo di cattiveria, vada a buttarlo nel mare)”.

Sandy: “Un proverbio capoverdiano?”

Veronica: “Mau caminho ca ta levob pa nenhume lugar (Cattiva strada non ti porta da nessuna parte)”.

Sandy: “Conosci qualche proverbio italiano?”

Veronica: “Sì, mi piace uno in particolare: Chi dorme non piglia pesci!”

Sandy: “Se non fossi venuta in Italia, cosa pensi che avresti fatto a Capo Verde?”

Veronica: “Se non fosse venuta in Italia sicuramente avrei fatto un altro figlio”. (Risate)

Sandy: “Pensi che sia valsa la pena venire in Italia?”

Veronica: “Sì! Mia figlia è stata curata ed ora sta bene”.

Sandy: “Si parla molto della “cattiva” sanità italiana, ma nel tuo caso ti ha aiutata molto. Cosa ne pensi?”

Veronica: “Io non posso lamentarmi, sono stata molto fortuna. Arrivata qui ho iniziato subito a fare i documenti. All’Ospedale di Villa Scassi ho fatto un documento di sanità come straniera ed ho potuto fare delle visite gratuite alla mia figlia. Lì ho conosciuta una pediatra, dottoressa Poggi, una dottoressa bravissima che ora è andata in pensione. Lei visitò mia figlia alcune volte e poi ci consigliò di andare all’Ospedale Gaslini. Al Gaslini fecero tutti i tipi di accertamenti, a Sal le avevano prescritto una medicina per l’epilessia, e mi dissero che se lei avesse continuato a prenderla ancora per due mesi, avrebbe rischiato un danno cerebrale permanente. Non era epilessia ma il suo problema era dovuto al sole troppo forte a Capo Verde, quando andava all’asilo giocando fuori ne prendeva tanto. Siamo andate anche a Praia, isola di Santiago, anche loro dicevano che era epilessia. Qui pian piano iniziarono a toglierla quella medicina, non si poteva smettere subito. I dottori al Gaslini sono stati bravissimi, grazie a loro mia figlia sta bene di salute. Quindi non posso parlare male della sanità italiana!”

Sandy: “Mi ricordo da piccola a Sal venivano molti medici italiani, soprattutto genovesi, dall’Ospedale San Martino a fare volontariato. Era un grande aiuto per noi! Ti è mai capitato di andarci a fare qualche visita o intervento?”

Veronica: “Io lavoravo a Salinas de Pedra de Lume e lavoravo proprio con i medici italiani quando venivano. Accompagnavo i medici a fare le visite, già parlavo italiano e facevo le traduzioni. Portavano tantissime medicine, visitavano sia le persone di Pedra de Lume sia di Espargos. Hanno aiutato molte persone! Una donna in particolare, Ricardina Lelis, contribuì moltissimo ad aiutare le persone del posto e fu un grande capo e maestra per me”.

Sandy: “Lavoro?”

Veronica: “Faccio la colf”.

Sandy: “A Capo Verde avevi un lavoro di responsabilità, giusto? Quale?”

Veronica: “Sì facevo la segretaria, purtroppo ho dovuto fare una scelta. Ho iniziato a lavorare come massaggiatrice all’Hotel DjadSal, poi sono stata trasferita a Salinas de Pedra de Lume e successivamente al ristorante Cadamosto. Nel frattempo ho fatto un corso di Gestione e contabilità, un corso d’informatica ed ho iniziato a lavorare in ufficio al Salinas e poi al ristorante Cadamosto come tesoriera. Purtroppo ci sono stati delle cose che non andavano bene ed ho cambiato lavoro. Ho iniziato a lavorare a Espargos come segretaria dell’Avvocato Amadeu Oliveira per un periodo breve perché sono rimasta incinta. Ed il mio ultimo lavoro prima di venire in Italia è stato sempre come segretaria all’ufficio Ingegneri di Capo Verde con il Dottore Landinho ”.

Sandy: “Com’è stato passare da segretaria a colf? Traumatico?”

Veronica: “Non è stato facile, devo dire la verità. Sapevo già che avrei lavorato come colf, mia madre e mia sorella già facevano questo lavoro”.

Sandy: “Il tuo lavoro ti ha resa felice?”

Veronica: “Come avevo detto precedentemente, ho dovuto fare una scelta però penso che tutti i lavori siano uguali… l’importante è che non manchi il “pane” a tavola”.

Sandy: “Hai dovuto compiere sacrifici per arrivare dove sei ora?”

Veronica: “La vita è fatta di sacrifici, niente è facile e lasciamo sempre qualcosa/qualcuno indietro quando si viene in Europa”.

Sandy: “Dalla tua risposta sento un pizzico di nostalgia. Cosa ti manca della tua isola?”.

Veronica: “Mi manca la vita, il sole, l’allegria, la felicità, il mio grande amore. A Capo Verde vivi con poco e sei felice. Mi manca correre sulla sabbia, mi alzavo alle sei ed andavo a correre tutte le mattine”.

Sandy: “In che cosa credi?”

Veronica: “Credo in Dio. Ognuno di noi nasce con il suo destino e niente succede per caso”.

Sandy: “Piatto capoverdiano? Piatto italiano?”

Veronica: “Riso con piselli secchi e pesce con aggiunta di una buona cipolla. Piatto italiano non ho uno preferito in particolare, mi piace quasi tutto”.

Sandy: “Musica capoverdiana? Musica italiana?”

Veronica: “Il genere musicale che preferisco in assoluto è la Coladeira. La musica italiana, mi piacciono i cantanti Gianna Nannini e Antonello Venditti”.

Sandy: “Cosa ti piace di Genova? Secondo te, è difficile vivere a Genova?”

Veronica: “Mi piace il clima, il mare. Non è facile, se non hai un lavoro e una famiglia vicino a te non riesci a vivere a Genova. La vita qui non è facile per nessuno, ne per italiani e ne per gli stranieri. Qui lavori per pagare le spese, debiti se li fai, per mangiare e i giorni scorrono velocemente. Se riesci a mettere qualche soldino da parte è una fortuna, anzi perché sei una persona molto attenta e devi rinunciare ai piaceri della vita, ai viaggi ecc”.

Sandy: “Un pregio e un difetto di Genova?”

Veronica: “Genova è una bella città. Non la conosco molto bene, esco poco. Lavoro casa, casa lavoro. Poi se non hai delle amicizie e se non hai un mezzo per spostarti, sei fregata. Un difetto è il quello di camminare per strada e sentire l’odore dell’urina dei cani, fa schifo e questo fatto può penalizzare molto la città”.

Sandy: “Cosa pensi del razzismo? Mai subito episodi di razzismo? Se sì, raccontaci un episodio”.

Veronica: “Il razzismo c’è dappertutto anche a Capo Verde. Sì, mi hanno chiamata testa di cespuglio. Ero sull’autobus, come sono alta, c’era un signore dietro di me e mi disse: – esci davanti con questa testa di cespuglio. Non ho riposto, perché di solito mi sale il nervoso e non volevo discutere. In quel momento potevo dire cose pesanti e si finiva a litigare come vedo spesso sui mezzi pubblici ”.

Sandy: “Cosa ti piace e non ti piace dell’Italia?”

Veronica: “Ti dico la verità Italia in sé non mi piace, mi piace Genova”. (Risate)

Sandy: “Cosa puoi “offrire” all’Italia come persona?”

Veronica: “Posso offrire la mia umiltà e la mia manodopera”.

Sandy: “Parlando di quello che sta accadendo negli ultimi mesi, la pandemia. Come hai affrontato questi giorni, questi mesi di quarantena? La tua famiglia?”

Veronica: “Sono rimasta a casa per due mesi. Avevo paura di non essere pagata al mio lavoro, invece non è successo. La signora mi ha pagata i due mesi che sono stata ferma ed ho continuato a lavorare da lei. La prima settimana di quarantena avevo raffreddore e avevo paura, pensavo che fosse Coronavirus. Ma poi si trattò solo di un banale raffreddore. Abbiamo passato questi mesi sereni e in famiglia”.

Sandy: “Quali sono i tuoi hobby?”

Veronica: “Leggere e fare ginnastica”.

Sandy: “Come ti vedi fra dieci anni? Dove ti vedi tra dieci anni?”

Veronica: “Sinceramente non lo so, gli anni corrano velocemente. Forse sarò ancora qui, forse no. Chi lo sa?”

Sandy: “Dammi il primo consiglio che ti viene in mente?”

Veronica: “Vivi la tua vita serena con quel poco che hai senza invidia e senza debiti, così potrai dormire sogni tranquilli”.

Sandy: “Sogni nel cassetto?”

Veronica: “Avere una casa mia e lasciare qualcosa a mia figlia. Aiutare mia figlia e che un giorno possa realizzare i suoi sogni”.

Sandy: “Grazie di cuore per la tua disponibilità e per le tue parole sincere”.

Veronica: “Grazie a te!”

Veronica Santos

Intervista a Georgina Lopes

Georgina Lopes

Dia de pouco, véspera de muito! (Giorno di poco, vigilia di molto!)

Georgina Lopes, più conosciuta nella comunità capoverdiana genovese e a Capo Verde come Djina. E’ nata a Sal, città di Santa Maria, il 28 agosto del 1965. All’età di quattro anni sua madre partì per l’Italia e la lasciò insieme ai suoi fratelli dalla nonna materna nell’isola di Sao Nicolau. Georgina crebbe con la nonna fino all’età di 16 anni e poi si trasferì a Sal da suo padre. Ricorda con amore la sua infanzia a Sao Nicolau, Caleijao (Calenjon); sua nonna era contadina ed allevava anche animali domestici, le insegnò il rispetto per la natura e per gli altri.

Georgina è una donna che ama la natura, spirituale e le piace aiutare il prossimo. Nel 1992 partì per l’Italia, Roma, lasciò lavoro e due figlie con le loro nonna paterna.

Sandy: “Buon pomeriggio e benvenuta a Tè con Sandy e Mea. Chi è Georgina?”

Georgina: “Grazie per l’invito. Georgina è una donna di carattere forte, ama la natura e vive ogni giorno la sua vita come una benedizione”.

Sandy: “Perché sei venuta in Italia?”

Georgina: “Mia madre partì per quest’avventura dell’immigrazione quando avevo solo quattro anni. Le mie sorelle ormai vivevano tutte con lei, così decisi anch’io di venire pensando che fosse un’occasione di riallacciare i legami con lei e di conoscere le mie sorelline. Il mio primo lavoro in Italia è stato il baby sitting in una famiglia con due bambini, è stato un balsamo per la mia anima, potevo prendere cura di qualcuno. Ma è durato poco, non mangiavo lì e quando andavo da mia madre dovevo mangiare per tutta la settimana…”.

Sandy: “Cioè? La famiglia non ti dava da mangiare?”

Georgina: “Sì non mi davano da mangiare, era terribile! Ho pensato che fosse un’opportunità per me, ma invece è stata una grande delusione. Mi sentivo incarcerata, non potevo uscire ed essere libera come a Capo Verde. Ogni volta che andavo a buttare la spazzatura, approfittavo per fare il giro del palazzo nonostante i bidoni fossero davanti al portone. Così decisi di cambiare il lavoro. Ho trovato un altro lavoro, sempre come baby sitter, questa volta erano due bambine (dalla stessa età delle mie). Mi ricordo che in quel periodo fare una chiamata interurbana costava tantissimo, ma la signora quando mi vedeva triste mi faceva chiamare a Capo Verde, non le importava del costo”.

Sandy: “Perché è stata una delusione?”

Georgina: “Perché ho lasciato due figlie e il mio lavoro. Mi ricordo che piangevo ogni giorno, ero preoccupata per loro e spesso pensavo che le potesse capitare qualcosa di brutto e di non essere presente”.

Sandy: “Poi ti sei trasferita a Genova, come mai questa scelta?”

Georgina: “Ho lavorato per quella famiglia per otto mesi, sono venuta a Genova in vacanza da una mia carissima amica e mentre ero qui ho avuto una proposta di lavoro dove guadagnavo quasi il doppio rispetto a Roma. Mi è dispiaciuto lasciare quella famiglia, erano stati buoni con me e mi ero affezionata alle bambine. Comunque, in quel momento ho pensato a me e alle mie figlie”.

Sandy: “Un tuo pregio? Un tuo difetto?”

Georgina: “Un mio pregio è essere tenace e non mollo fino a raggiungere i miei obiettivi. Un difetto, ne ho tanti, ma uno in particolare è la testardaggine”.

Sandy: “Una frase o una citazione capoverdiana che non dimenticherai mai?”

Georgina: “Mi ricordo sempre che mia nonna mi diceva: una porta si chiude oggi, si apre un portone domani. Dia de pouco, véspera de muito (Giorno di poco, vigilia di molto). Questo è stato ed è ancora la mia filosofia di vita”.

Sandy: “Un proverbio capoverdiano?”

Georgina: “Cada Catchorre tem se sexta-feira (ogni cane ha il suo venerdì)”.

Sandy: “Un proverbio italiano?”

Georgina: “Chi va piano va sano e va lontano”.

Sandy: “Se non fossi venuta in Italia, cosa pensi che avresti fatto a Capo Verde?”

Georgina: “A Capo Verde avrei sicuramente un’altra vita, economicamente migliore di qui, visto lo sviluppo che c’è stato negli ultimi anni. Ma sono molto felice di chi sono oggi”.

Sandy: “Pensi che sia valsa la pena venire in Italia?”

Georgina: “Penso di sì, quella che sono oggi lo devo proprio all’Italia. Oggi ho quattro figlie, le ultime due sono nate qui, e sono molto fiera delle donne che sono diventate. Vedi mi stai intervistando ora e sono fiera di te”.

Sandy: “Non dire che sei mia madre (risate)”.

Georgina: “Se non fossi venuta in italiana non sarei diventata buddista. Ho studiato il taoismo, la medicina cinese e Shiatsu”.

Sandy: “Hai dovuto compiere sacrifici per arrivare dove sei ora?”

Georgina: “Sì! Dopo una relazione andata male, fallita, mi sono trovata da sola con due bambine piccole da crescere e non è stato per niente facile. Mia sorella Fatima mi è sempre stato accanto, miei amici e le mie due figlie grandi, che erano già a Genova. Dopo ho conosciuto un uomo che è mio marito oggi. Stiamo insieme da quindici anni e sposati da dodici anni. Lui mi ha sempre sostenuta ed incentivata a studiare”.

Sandy: “Lavoro?”

Georgina: “Al mattino lavoro per una famiglia, li adoro ed andiamo molto d’accordo. Il pomeriggio lavoro per conto proprio, massaggi e terapia shiatsu”.

Sandy: “Quindi hai fatto la scuola di Shiatsu?Un corso? Se Sì, dove?”

Georgina: “Sì, ho fatto la scuola di Shiatsu Medicina Cinese per tre anni tra Genova, Milano, Salsomaggiore e Bologna. La mia scuola è I.R.T.E., mi sono diplomata e dopo ho fatto il master per due anni a Milano”.

Sandy: “Il tuo lavoro ti ha resa felice?”

Georgina: “Sì sono felice in tutto quello faccio e di quello che ho. La felicità è una scelta ed è già dentro di me”.

Sandy: “In che cosa credi?”

Georgina: “Io credo in un mondo migliore, un mondo più consapevole, più ecologico. Dove le persone non vedono Dio come un qualcosa di astratto, che sta lì seduto a guardarci e a compiere miracoli ma in qualcosa di più reale”.

Sandy: “Ok, grazie! Invece un piatto capoverdiano? Piatto italiano?”

Georgina: “La Catchupa e la Feijoada! Piatto italiano, la pastasciutta”.

Sandy: “Musica capoverdiana? Musica italiana?”

Georgina: “Mi piace la morna in particolare, Cesaria Evora e mi piacciano le canzoni di Ildo Lobo. Ho imparato anche ad apprezzare la musica moderna del cantante capoverdiano Dino D’Santiago…”

Sandy: “Scusa se ti interrompo, apro una parentesi, volevo solo dire e consigliare tutti di ascoltare le canzoni di Dino d’Santiago. Meritano veramente. Ritornando a noi, riguardo alla musica italiana?”.

Georgina: “Non ho cantanti preferiti o un genere musicale preferito… forse, posso dire che mi piace Elisa ed Andrea Bocelli perché li ascolto volentieri”.

Sandy: “Cosa ti piace della tua città?”

Georgina: “Mi piace il mare perché mi ricorda Capo Verde”.

Sandy: “Un pregio e un difetto della tua città?”

Georgina: “Un difetto? L’ignoranza della gente per l’ecologia. Divento matta quando vado a buttare la spazzatura e trovo tutto buttato per terra. Invece un pregio è avere sia i monti sia il mare, abbiamo l’opportunità di avere questi due elementi della natura”.

Sandy: “Cosa pensi del razzismo? Mai subito episodi di razzismo? Se sì, raccontaci un episodio”.

Georgina: “Mai subito episodi di razzismo personalmente. Penso che il razzismo sia nella mente, cioè, l’ignoranza porta al razzismo, indipendentemente dall’etnia”.

Sandy: “Cosa ti piace e non ti piace dell’Italia?”

Georgina: “Mi piace l’Italia perché è un paese molto bello con i suoi mari, colline, montagne, monumenti, arte e tante altre cose. Si mangia bene e sano, è ancora uno dei pochi paesi del mondo dove si può trovare acqua potabile pulita. Invece non mi piace la non consapevolezza delle persone di tutto ciò che hanno a loro disposizione e l’ignoranza che sta crescendo/aumentando sempre di più”.

Sandy: “Dammi il primo consiglio che ti viene in mente?”

Georgina: “Un consiglio che mi viene in mente è studiare, studiare, studiare. Più conoscenza possediamo, più saremo pronti e preparati per affrontare qualsiasi situazione!”

Sandy: “Cosa puoi “offrire” all’Italia come persona?”

Georgina: “Non saprei in questo momento, forse la mia cultura…la cultura capoverdiana!”

Sandy: “Cioè? In che senso?”

Georgina: “Perché sono capoverdiana, posso offrire la mia capoverdianità che può essere tramite la musica, il cibo, la danza, rispetto per gli anziani e la mia allegria…posso offrire la mia morabeza”.

Sandy: “Come ti vedi fra dieci anni? Dove ti vedi tra dieci anni?”

Georgina: “Realizzata… anche se ho ancora molto da fare. Comunque, spero più saggia di adesso! Mi vedo nonna vivendo in una casa in campagna”.

Sandy: “Alcune persone che ho avuto il piacere di intervistare prima di te, quando le ho chiesto dove ti vedi tra dieci anni, mi hanno risposto a Capo Verde. La tua casa in campagna sarà qui o a Capo Verde?”

Georgina: “Mi vedo in campagna, ma non c’è un posto preciso”.

Sandy: “Sogni nel cassetto?”

Georgina: “Non ne ho uno in particolare, ma piacerebbe vedere un mondo migliore, con più persone consapevoli”.

Sandy: “Grazie per la tua bellissima intervista!”

Georgina: “Grazie a te!”

Tè con Sandy e Mea!

Una nuova visione sull’immigrazione capoverdiana nella città genovese. Una raccolta di testimonianze di capoverdiani nati e cresciuti a Genova! Ci vediamo tutti i venerdì con tante interviste.

Frammenti di Una Capoverdiana

“Between Art and Quarantine”: la donna capoverdiana.

“La mia anima si inginocchiò, tremante e soggiogata; Era la tempesta di rose, era nuvola profumata.” Eugenio Tavares, Tratto dal sonneto “Kate”

Il Getty Museum di Los Angeles in questi giorni di quarantena ha proposto una sfida (Challenge), mettere in scena dipinti famosi improvvisando con quello che si ha in casa.

Così sul gruppo di Facebook, Comunità Capoverdiana di Genova, ho proposto questa sfida. La risposta è stata entusiasta e immediata. Così le donne capoverdiane si sono “trasformate” nei dipinti, un’interpretazione unica della donna africana nella sua bellezza, semplicità ed eleganza. Ci siamo divertite tantissimo, ognuna ha creato il suo “ritratto”.

“Credo che siamo qui sul pianeta Terra per vivere, crescere e fare tutto quello che possiamo fare per rendere questo mondo un posto migliore in cui tutte le persone possano godere della libertà.” Rosa Parks

Magali: Fanciullo con canestro di frutta di Caravaggio (1593-1594)

“Prendo in prestito dei corpi e degli oggetti, li dipingo per ricordare a me stesso la magia dell’equilibrio che regola l’universo tutto. In questa magia l’anima mia risuona dell’Unico Suono che mi riporta a Dio.” Caravaggio

Florete: VIGÉE-LE BRUN Elisabeth,1792 – Julie Le Brun (La figlia) & Foto di Audrey Hepburn

“L’eleganza e la sola bellezza che non sfiorisce mai.” Audrey Hepburn

Sandra: Autoritratto con collana di spine e colibrì di Frida Kahlo (1940) e La Cameriera di Wilhelm August Lebrecht Amberg (1862)

“Non ci sono canoni o bellezze regolari, armonie esteriori, ma tuoni temporali devastanti che portano ad illuminare un fiore, nascosto, di struggente bellezza.”

Fatima Lopes: È l’unico ritratto che non sono riuscita a trovare (nome e autore). Così l’ho chiamato “La donna con la gorgiera”.

“Non togliermi neppure una ruga. Le ho pagate tutte care.” Anna Magnani

Georgina: La geisha di Kyoto

“L’acqua si scava la strada anche attraverso la pietra e quando è intrappolata si crea un nuovo varco.” Memorie di una Geisha di Arthur Golden

Vanda : La ragazza con l’orecchino di perla o la ragazza con il turbante di Jan Vermeer (1665-1666)

“Contemplai il dipinto ancora una volta, ma nel fissarlo così intensamente mi sembrò che qualcosa mi sfuggisse. Come quando si fissa una stella nel cielo notturno: se la guardi direttamente quasi non la vedi, mentre se la cogli con la coda dell’occhio appare molto più luminosa.” Citazione del film “La ragazza con l’orecchino di perla”.

Zilda: La donna con il cappello (Pinterest, Tela moderna).

“Non accettate le briciole. Siamo donne, non formiche.” Marilyn Monroe

Veronica: Modella Mary Quant, mostra di Victoria&Albert; Modella Jean Shrimpton foto di David Balley

“C’è chi chiede: “Perché la parola ‘femminista’?” Perché non dici semplicemente che credi nei diritti umani, o giù di lì?” Perché non sarebbe onesto. Il femminismo ovviamente è legato ai diritti umani, ma scegliere di usare un’espressione vaga come “diritti umani” vuol dire negare […] che il problema del genere riguarda le donne […] e non l’essere umano in generale.” Tratto dal libro Dovremmo essere tutti femministi di Chimamanda Ngozi Adichie

"Quarantena" à moda Cabo-Verdiana em Genova, Parte II

" Quarantena" à moda Cabo-Verdiana em Genova, Parte I

“È un momento difficile e delicato per tutti noi. In questi giorni abbiamo condiviso, foto, video, pensieri, sogni, desideri e molta energia positiva attraverso i nostri scherzi. Abbiamo affrontato le nostre paure insieme e soprattutto abbiamo ascoltato i nostri cuori. Non sappiamo quando finirà tutto ciò, ma una cosa è certa ” TAMOS JUNTOS”. Ho raccolto un po’ di video e di foto pubblicati in questi giorni sul nostro gruppo su Facebook ” Comunità Capoverdiana a Genova” e ho deciso di fare un video unico per ringraziarvi della vostra “Morabeza” e simpatia. Il video è diviso in due parti. Spero che questi giorni ci servano per riflettere, che la famiglia e gli amici sono i tesori più grandi che abbiamo. Um abraço à todos.”

Sandra Andrade