Poesie per Willy di Vittoria Canfora

In memoria del giovane eroe e martire Willy Monteiro Duarte, una poesia scritta da Vittoria Canfora.

É proprio vero quello che si dice, “in un campo di fiori non prendi mai quello marcio, ma il più bello”.

Augurandovi un anno nuovo con più amore, condivisione e unità.

Poesie per Willy di Vittoria Canfora

La brutalità con cui il fiore è stato strappato

è quasi un insulto alla vita

Un fiore così bello,

troppo giovane,

troppo buono

e per questo mondo.

Quella notte in cui partì per sempre

mentre la sua anima andava

verso un posto migliore

la sua scia lasciò dietro di sé lacrime

e urla di dolore

e il sole che illuminava il suo viso

si spense.

Grigio e bianco.

Del campo pieno di fiori

ora rimaneva solo

 un lontano ricordo.

Vittoria Canfora

Quiz: Conosci Capo Verde?

Una giovane vita spezzata: Willy Monteiro Duarte

Il 2020 sicuramente è un anno che rimarrà nei nostri ricordi, nella nostra memoria e nella storia umana. Un anno difficile, incerto e pesante. Un anno con molte perdite di vite umane e di dolore. Dolore è quel sentimento che ci fa vivere quello stato di sofferenza, di angoscia e di tristezza. Il dolore della perdita di una persona cara ci rattrista. Il dolore di perdita di un figlio non si può immaginare e non si può augurare a nessun genitore. Un dolore lacerante ed infernale, che non smetterà mai di far male. Una ferita che difficilmente rimarginerà nel tempo. Come può andare un genitore avanti? Come può un genitore dimenticare? Potrà andare avanti vivendo giorno per giorno e di certo non sarà mai più la stessa persona.

Quando leggi certe notizie il tuo cuore non cessa di chiedere “PERCHÉ?”. Perché? Perché? Perché? Perché l’essere umano uccide il suo prossimo? Perché l’essere umano è in grado di compiere atti così atroci? Uccidere qualcuno è un’azione crudele, uccidere un giovane solo per il piacere di farlo è un atto terribile, malvagia e va PUNITO.

Il 2020, forse, ha fatto uscire il lato peggiore di noi stessi, ci ha fatti vedere anche certe realtà con occhi più critici e più severi.

La morte di un giovane provoca in noi una sensazione di amarezza. La morte di un giovane buono e dolce, con la vita davanti per mano di altri giovani è ancora più triste e rivoltante. In quale società stiamo vivendo? Dopotutto quello che abbiamo passato in questa quarantena, ancora non riusciamo a dare valore alla vita. Secondo la testimonianza di una donna, raccolta da Federica Angeli su Repubblica, che abita vicino al luogo dove è avvenuta la tragedia: “Non dimenticherò mai le grida di quel ragazzino. Diceva “basta, vi prego basta, non respiro più”.

La morte di Willy Monteiro Duarte ha scioccato non solo la comunità capoverdiana in Italia ma l’intero paese ed il mondo. Ha scioccato tutte le persone che ancora hanno un cuore e dei valori. Willy Duarte è stato picchiato, massacrato a pugni e calci a Colleferro da quattro ragazzi. Il suo errore? Essere nel posto e nel momento sbagliato.

Quando abbiamo letto questa notizia, abbiamo provato orrore e paura (può accadere a qualsiasi di noi, ai nostri figli, ai nostri amici, ai nostri fratelli ed alle nostre sorelle).

L’Italia è caduta nell’oblio più totale dietro a forze politiche distruttive e la società vive nella paura costante di essere derubata, rubata ed invasa. Come se ci fosse una nuvola oscura che rende le persone sempre più crudeli ed egoiste. E’ un paese disorientando, sofferente e pronto ad esplodere. Questi singoli atti sono solo l’inizio di una vera catastrofe preannunciata che potrebbe colpire in qualsiasi momento. Nessuno assume la propria responsabilità, tutti sono bravi a nascondersi dando colpa all’altro. La morte di questo ragazzo è il risultato di una politica che si nasconde dietro ai propri errori, di un clima che si sta innescando nell’odio e la gente viene manovrata come dei burattini.

Crediamo che sia un dovere di tutti noi impegnarci contro il razzismo e contro la violenza di qualsiasi genere. Ognuno può farlo nel modo che può, l’importante è NON RIMANERE MAI INDIFERENTI a queste azioni brutali, razziali e codarde. L’educazione dei nostri figli è la migliore “arma” contro l’ignoranza e l’arroganza.

Non dobbiamo cadere nell’odio e nelle polemiche di genere politiche, ma sì cercare di restare uniti e lottare contro ogni forma di abuso di potere e di forza.

Siamo vicini alla famiglia e le nostre sincere condoglianze.

Bisogna dire BASTA a questi atti violenti e razziali!

Ciao piccolo angelo. RIP

Testo di Sandra Andrade

Collaborazione :Euridce Araùjo

Isola di Sal

C’era una volta un’isola sperduta nell’oceano Atlantico, si chiamava Sal. Ecco a voi alcune foto antiche dell’isola, luoghi e persone.

Queste foto mi sono state inviate anni fa, purtroppo non sono ancora riuscita ad identificare tutti i luoghi e quando sono state scattate.

Il Carnevale di Mindelo


Carnaval t’aí, vamos vadiá, vamos vadiá pra policia não pegá!
(Carnevale è arrivato, andiamo a girovagare, andiamo a girovagare così la polizia non ci prende!)

Il carnevale è una manifestazione culturale di grande rilievo e nel tempo è diventato anche una tradizione folkloristica nelle isole di Capo Verde, soprattutto nell’isola di Sao Vicente. La città di Mindelo per la sua posizione geografica e per il suo porto internazionale (Porto Grande) è sempre stata un punto d’incontro tra varie culture, infatti il carnevale di Sao Vicente ha avuto una forte influenza del Brasile.

Per tre giorni vari gruppi sfilano per la città portando, creatività, fantasia, colori vivaci e caldi, trucchi impeccabili, carri allegorici, maschere e tantissimo divertimento. Le canzoni sono studiate e scritte per l’occasione. Una vera festa con gruppi che gareggiano per un premio finale e che verrà consegnato il giorno dopo della festa da una giuria di esperti.

I primi gruppi iniziarono a sfilarsi per le strade di Mindelo nel lontano 1920, per la festa del Re Momo, tra cui il più conosciuto “OS FLORIANOS” composto per lo più da dipendenti pubblici con un’orchestra. ”. Nel 1936 due gruppi contribuirono alla crescista del carnevale di Mindelo, “Sousa Cruz” nel quartiere Ribeira Bote e il “Gruppo Monte dos Amores” nel quartiere di Monte Sossego.

Il primo carro allegorico rappresentava un “Avião Lusitânia”, un aereo con cui Gago Coutinho e Sacadura Cabral arrivarono in Brasile nel 1922 e appare nel 1939 con il gruppo “NACIONAL”.

Negli anni  ’40 e ’50 tantissimi gruppi carnevaleschi a São Vicente aderiscono a questa manifestazione, il carnevale, tra cui il Nhô Fula, il Lorde, Júnior, Juvenil, Pérola e Unidos.

Il carnevale nelle isole per molti anni, è stato considerato un “carnevale dei poveri”, cioè ognuno si travestiva a modo suo. Uscivano tutti per le strade di Mindelo, bambini, giovani, anziani per festeggiare la festa del re Momo.

Con il passare degli anni iniziarono a costruire i primi carri allegorici più grandi e a formare gruppi carnevaleschi gareggiando fra loro.

Ogni anno il carnevale di Sao Vicente cresce e diventa sempre più conosciuto nel mondo  non solo per i sui carri allegorici o per la musica, ma per il suo grande umorismo nei costumi.

Quando si avvicina il periodo carnevalesco, la città cambia… la tensione e la gioia aumentano. Fervono i preparativi, le scuole e gli asili aderiscono alla festa (i bambini iniziano a sfilarsi prima dei tre giorni importanti) e c’è molto attesa per la grande sfilata dei “ Mandingas”. Os Mandingas sono i mandingo, uno dei gruppi etnici dell’Africa occidentale.  Quando arriva il giorno del carnevale le persone si travestono da mandingo usando olio, catrame, impugnano armi come dei veri guerrieri mandingo e alcuni sputano fuoco. Inizialmente erano gli uomini a travestirsi da mandingo, ora anche donne e bambini. E’ considerato il miglior carnevale in Africa.

Quest’anno hanno vinto:

  • Primo posto: Monte Sossego
  • Secondo posto: Cruzeiros do Norte
  • Terzo posto: Vindos do Oriente
  • Quarto posto: Estrelas do Mar
  • Quinto posto: Flores do Mindelo

Canzone migliore: Costantino Cardoso, Monte Sossego

Migliore carro allegorico: Vindos do Oriente

Maestro di sala: Monte Sossego

Regina di batteria: Andrea Gomes, Cruzeiros do Norte

Porta bandiera: Monte Sossego

First lady: Monte Sossego

Second lady: Monte sossego

Re: Fred Sousa, Monte Sossego

Regina: Monte sossego

Alcune foto di ZP Art & Nature Photography

Segui su Facebook :

https://www.facebook.com/ZP-Art-Nature-Photography-669051026468107/

Il carnevale dei bambini

Os Mandingas

Oh, Mar levam ma bo

 OH, MAR LEVAM MA BO

Oh, mare portami con te!!!

Portami nel ricordo più sfuggente.

Fammi scivolare nell’eremo  del pensiero,

Fammi cadere nell’orizzonte del tuo desiderio.

Oh, mare portami con te

In luogo dove non esiste giusto o sbagliato.

Oh, mare canta con me,

Il canto di libertà.

Raccontami i tuoi segreti più profondi

Toglimi i miei peccati così che possa rinascere

Sono giovane e peccatore

Sono giovane e sognatore,

dammi la mia libertà!

Sbattimi tra le tue onde

Così che mi possa svegliare!

Annegami  nell’abisso della verità,

E lasciami scaldare le mie lacrime,

nel sole dell’alba.

Oh, mare portami con te

Fammi camminare sulle tue acque

Così posso raccontare che sono diventato uomo.

Sandra Andrade

(Poesia dedicata ai due giovani ( Gianni ed Andrea) dell’equipaggio SALINA EXPERIENCE). Follow : http://www.salinaexperience.com/

Hino Nacional (Cantico da Liberdade)/ Inno di Capo Verde (Canto di Libertà)

Cantico da Liberdade

Canta irmao
Canta,meu irmao
Que a liberdade é hino
E o homem a certeza.

Com dignidade, enterra a semente
No po da ilha nua;
No despenhadeiro da vida
A esperança é do tamanho do mar
Que nos abraça.
Sentinela de mares e ventos
Perseverante,
Entre estrelas e o atlantico
Entoa o cantico da liberdade

Canta irmao
Canta, meu irmao
Que a liberdade é hino
E o homem a certeza.

Traduzione: Canto di Libertà
Canta fratello
Canta, mio fratello
Che la libertà è inno
E l'uomo la certezza.

Con dignità, seppellisce il seme
Nella polvere dell'isola nuda;
Nel dirupo della vita 
La speranza è della grandezza del mare
Che ci abbraccia.
Sentinella di mare e venti
Perseverante
Fra le stelle e l'atlantico
Intona il canto di libertà.

Canta fratello
Canta, mio fratello
Che la libertà è inno
E l'uomo la certezza.

In un’altra vita… ero capoverdiana

Image by Prettysleepy from Pixabay

Spesso quando bevo il tè del diavolo (barbidjaca) cado in questo vortice che mi porta a rivivere la mia vita precedente. Non so se è il Diavolo che mi parla o se è Dio che mi sussurra  che ho avuto tante vite, fra cui quella di essere nata nelle isole che un tempo appartenevano agli dei greci… le  cosiddette isole di Macaronesia.

Cala il sipario e ritorno come tutte le volte su questa spiaggia di sabbia bianca a guardare le stelle e ad ascoltare il suono della chitarra del mio amico Pedro. I miei amici mi chiedono: “manera, tud dret?” e io rispondo “ tud fixe!” .

In certe occasioni mi allontanavo e andavo verso la riva per ascoltare da vicino il rumore delle onde, spesso mi sentivo come Penelope che aspettava di rivedere il suo Ulisse.

La canzone che spesso cantiamo e suoniamo è quella  “ ‘m cria ser poeta “ di Paulino Vieira, c’è chi balla, chi piange, chi ride…insomma questa canzone provoca in tutti noi un sentimento diverso.

Quando non si canta, Joao ci racconta storie degli spiriti, streghe, “catchorrona”/ specie di lupo mannaro, scheletri che cammino a zig zag e si spezzano in frantumi , “massonque”/ massone, e tante altre. Brividi di paura mi attraversano la schiena ma non voglio e non vorrei mai che smettesse di raccontare. Torno a casa da sola pensando a quelle storie e nella mente riaffiorano tutte le paure. Inizio a correre perché dietro di me sento dei passi che non sono i miei, la paura è tanta e non voglio girarmi per controllare. Per fortuna c’è Maya il mio cane e mi sento più protetta, infatti quando Maya mi è venuta in contro non ho più sentito quei passi. C’è n’è ancora di strada da fare per arrivare alla mia casetta in mezzo al bosco.

Il bosco è fitto, la strada è sterrata, e sento il fruscio delle foglie.

Un silenzio di tomba! Siamo solo io e Maya. Anche lei è inquieta, ma non emette nessun latrato, scruta ogni piccolo movimento sospetto.

Siamo quasi vicino a casa, si intravede la luce che proviene dalla cucina, dove mamma, ogni sera, prima di andare a letto, cuce e recita il rosario. Chissà se il mio fratellino sta dormendo, ogni sera mi aspetta per ascoltare la favola della buonanotte Tilobo e Chibinho.

Ad un tratto Maya si ferma di colpo, non vuole più proseguire.

Faccio due tre passi in avanti ma  Maya è sempre lì nello stesso punto e inizia a ringhiare.

I miei battiti cardiaci iniziano ad accelerare, comincio a tremare, all’improvviso ho freddo, c’ è qualcosa nell’aria che non mi piace.

Non se andare avanti, o iniziare a correre o urlare. Cosa sta succedendo? Le mie gambe sembrano paralizzate, mi guardo intorno e la scena cambia improvvisamente.

Tutto è diventato buio, sento dei passi venire verso di me ma non vedo niente.

I passi non sono più due, si moltiplicano, sento delle risate, risate che sembrano lame che ti trafiggono l’ anima. Maya ringhia sempre più forte, le fronde degli alberi sembrano impazzite.

Torno indietro verso Maya perché ho paura e mi inchino per abbracciarla. Ad un tratto sento qualcosa/qualcuno che mi salta sulla schiena, non riesco a muovermi. Il cane rizza il pelo e mi salta addosso. Cado, Maya rotola come per lottare a terra ma non vedo niente. Le risate sono sempre più forti e vicine, sento battiti di piedi, mi sento accerchiata.

Vorrei pregare ma so che le preghiere ora non servono a niente, nessuno mi può aiutare. Perdo i sensi.

Quando rinvengo, sento la voce di mia madre e apro gli occhi. È mattina.

Mi alzo e corro verso mia madre piangendo, la abbraccio e mi viene in mente Maya.

Mi giro per cercarla ma è sdraiata per terra.

La chiamo ma lei non si muove, è ferma. Le vado incontro e capisco che Maya è morta.

Maya mi ha salvata, non so da chi o da che cosa ma di per certo so che stanotte è successo qualcosa.

A quello che è successo quello che ho visto, quello che ho sentito non c è una spiegazione logica.

Torno a casa piangendo e mi sdraio sul letto.

Mi risveglio e mi ritrovo in uno studio, sono con il mio amico Sigmund.

Correva l’anno 1912 ero in Austria per lavoro e sapendo che anche lui era lì sono andata a salutarlo.

L’ ultima volta che c’eravamo visti 5 anni prima eravamo in Svizzera.

Quando sono arrivata nel suo studio mi ha offerto un tè di questa pianta che il suo amico capitano George Roberts aveva portato dai suoi viaggi a Capo Verde, questa pianta per qualcuno si chiamava barbidjaca per altri tè del diavolo.

Dopo averlo bevuto, il mio ultimo ricordo era il libro dell’Odissea appoggiato sulla scrivania.

Sono  caduto in uno stato ipnotico.

La vita è un teatro, tutto è in continuo movimento e mutamento le sensazioni e le emozioni sono parte di un sistema cosmico che nessuno può controllare.

Sandra Andrade e Ilaria Filippo

Cronaca di una realtà triste (Parte 2)

“ Eu sou um adpeto dos poderes de Verbo, e apesar de mim mesmo distorço a palavra de modo a que, nao mentindo, também nunca diga a verdade- e nao ha’ maior mentira do que aquela que apenas, ligeiramente, se afasta da verdade. Pelos poderes de Hod consegue-se trazer tudo até nos- seduçao e hipnotismo, usando as palavras que sao engodo e anzol.”

“ Este mundo do terceiro anel periférico vive- tal como a maioria dos lugares que sao alvo de politicas de desenvolvimento e recipientes dos donativos- do que é lixo além-mar  reciclado.”

“ Neste ermo africano, ninguém tem idade para ter filhos- nao ha jovens, apenas crianças carnivoras que se alimentam dos velhos, e velhos que parasitam os imbecis, os deficientes e também as crianças.”

Tratto dal libro “Perdido de Volta” di Miguel Gullander

Come vi avevo già parlato nella prima parte della cronaca, Capo Verde inizia a svilupparsi così velocemente che certi aspetti della propria società non vengono notati… o forse nessuno li vuole vedere.

(https://frammentidiunacapoverdiana.com/2015/11/09/cronaca-di-una-realta-triste/)

Inizia l’era degli investimenti, nuovi alberghi, nuove case con arredamenti di ultima generazione, nuovi palazzi ( nasce anche il condominio), arrivo di nuove macchine di lusso, vengono costruiti tre aeroporti internazionali ( un arcipelago così piccolo con quattro aeroporti internazionali…). Più offerte nel mercato di lavoro. Vengono spazzati via tantissimi luoghi naturali; le saline di Pedra di Lume nell’isola di sal (un patrimonio naturale) viene venduto ad un imprenditore italiano.. questo un esempio fra tanti altri.

Nel frattempo cosa sta accadendo ai giovani capoverdiani? A cosa ispirano? I loro sogni? Obbiettivi?  I bambini che il turista vede correndo per i campi/strade con un sorriso magico, che futuro li aspetta?

Sapete uno dei grandi errori che facciamo è, andare in un paese che non è nostro e vedere tutto quello che appartiene a quella realtà con i nostri occhi. Ci sono realtà diverse fra loro, ogni realtà è diversa dall’altra; non si può parlare di una realtà che non si conosce. Conoscere non vuol dire andare in vacanza per una settimana in un mega albergo e pretendere di dare un giudizio a riguardo.

In Africa non hanno bisogno di compassione o pena, vedere un bambino che corre per la strada senza scarpe non vuol dire che non ha cibo che li aspetta in casa. Africa ha bisogno di investimenti nel campo di educazione e salute, non di misere commozioni tipo : “ Povero bambino guarda come soffre! Mi dispiace tanto:” Parlare e piangere non aiutano gli altri, però l’agire si.

I giovani capoverdiani iniziano ad “affrontare” una nuova realtà, si inizia a scoprire nuovi mondi e nuove gente. A Capo Verde inizia ad arrivare gente di tutte le parti del mondo, ognuno con un motivo diverso:

  • Arrivano i turisti europei e non solo (ah belle spiagge, belle donne e bei uomini!!!);
  • Arriva gente della costa africana ( ricerca di migliori condizioni di vita e a loro il mio massimo rispetto);
  • Investitori da ogni luogo del mondo (vogliamo investire ed aiutare il piccolo paese senza risorsi naturali);
  • I cinesi arrivano anche loro e ogni angolo delle città, paesini troviamo un negozio from Cina;
  • Arrivano anche “criminali/ delinquenti” rimpatriati dagli USA.

Quindi un mix di persone, culture che si mescolano tra loro come delle enormi turbine e svaniscono .

Aprono nuove discoteche, pub, ristoranti, bar, feste che iniziano alle 15:00 di un giorno e finiscono alle 10:00 del giorno dopo, soprattutto nel periodo estivo, e quindi la movida è sempre più “ da pesada” /potente come direbbe un capoverdiano. Le feste vanno da lunedì a lunedì “ depois passa sabe, morre ca nada”/ dopo il divertimento, la morte non è niente in confronto…wow giovani che non si stancano mai! Devo dire che i giovani sono tutti dei grandi lavoratori, tutti cercano di lavorare e hanno questo senso di “responsibilità”; ma dovete sapere che, se uno viene invitato ad una festa e il giorno dopo deve alzare alle sei per andare al lavoro, non rimane a casa a dormire… va alla festa e alle sei si presenta al lavoro senza prima essere andato a riposare qualche ora a casa.  “Ah, vida é um so!!!”/ la vita è una sola, perché non divertirci finché possiamo?

In questi ambienti, ovviamente, non mancano le droghe. Una volta si fumava solo la marijuana, ora abbiamo cocaina, eroina, crack e tante altre delizie che sono arrivate nel tempo. Un business e un piacere:”Sesso, Droga e Kuduro”!

Oh, quanti amici ho perso perché hanno scelto il cammino delle droghe?! Tantissimi!!! Ragazzi giovani con un futuro brillante davanti, ora vivono in un mondo buio senza più controlli di se stessi e delle loro emozioni o sentimenti.

Il fenomeno di piccoli giovani o bambini delinquenti per le strade è sempre esistito. A partir degli anni 80 in Capo Verde nascono piccoli gruppi di ragazzi conosciuti come “Piratinhas” che commettevano piccoli delitti, piccoli furti per la strada principalmente nelle isole di Sao Vicente e Santiago.

Negli anni 90 in Santiago (Achada Grande) nasce un nuovo gruppo chiamato “netinhos de vovo” / nipoti della nonna che attuavano soprattutto nei periodi di feste o eventi.

Nel 2000 nascono i cosiddetti “Thugs”, il termine viene importato dai ghetti nord americani attraverso il movimento Thug life creato dal rapper Tupac Shakur. E quindi la delinquenza giovanile aumenta con la nascita dei “Thugs” nei vari quartieri delle città soprattutto nelle isole di Santiago, Sal e Sao Vicente.

Ma questo è dovuto a che cosa? Per primo, se andiamo a vedere negli anni 90 Capo Verde ha un elevato aumento economico circa il 8,4% di media annuale secondo “Estrategia de crescimento e de Reduçao da Pobreza” ma non abbastanza per coprire tutta la popolazione. L’arcipelago continua a crescere in maniera diseguale, la crescita economica non è equilibrata e la disoccupazione è più giovanile.

Spesso accade che questi giovani la loro condizione economica familiare è molto bassa, vivono nei quartieri bassi, case povere e questo a volta li causa problemi. Vengono discriminati perché abitano in questi luoghi. All’età di quindici anni lasciano la scuola e si ritrovano senza un lavoro. Esiste anche il problema del colore della pelle.. questioni razziali.

Per gli Europei tutti gli africani sono neri, a parte i magrebini, ma in Africa non è così! Ognuno ha il suo colore: bianco, molato/ creolo e nero. A Capo Verde funziona così e quindi ci sono delle divisioni razziali. Dunque in questi quartieri poveri la percentuale di neri che abitano lì è più alta, e dopo l’indipendenza il potere politico, economico e sociale si concentrò nelle mani di un determinato élite.

Dopo il 2000 iniziano ad arrivare in numero elevato delinquenti rimpatriati dagli USA creando nuovi gruppi di gangster. Si dice che il governo per fermare questo rimpatriato, firma un accordo con gli studi. L’accordo proposto degli USA è stato: “ Noi, non vi mandiamo più questi ragazzi ma in cambio vi mandiamo due terroristi”. Ora che sia vero o no, nessuno lo sa… ma quando arrivi a Capo Verde tutti ti raccontano questo fatto. Forse è una delle leggende metropolitane o forse no… alcuni sostengono che uno dei terroristi parla oramai benissimo il creolo e che la gente lo va a trovare. Quello che si sa è che quando una voce gira tanto, un fondo di verità c’è! Ad ogni modo i nuovi arrivati a Capo Verde hanno creato un grande scompiglio nella società capoverdiana.

Torniamo ai nostri ragazzi e la leggenda la dimentichiamo, ragazzi di solo 15 anni che girano di notte per le strade colpendo e distruggendo ogni cosa che trovano nel loro cammino. Derubano persone con piccole arme bianche e a volta accade qualche omicidio.

Con la nascita dei gangster, i ragazzi iniziano a usare parole inglese e  le trasformano in una sorta di parola  nuova creola, si da al caso la nascita del termine famoso nell’arcipelago “Kasu bodi” che proviene dallo slogan usato in America “your cash or your body” per rapinare.

Sempre nel 2000 arriva la televisione brasiliana “Rede Record” che tanti i programmi ce ne era uno molto particolare che si chiamava “Cidade Alerta”. Questo programma mostrava e seguiva i crimini nelle favelas, come vivevano i gangster/ gruppi e secondo me ha contribuito moltissimo per la nascita di questi gruppi a Capo Verde. Questi ragazzi non avendo più un sogno, un modello da seguire, cercarono un rifugio diverso. Purtroppo non ci sono solo i ragazzi delinquenti, ma anche uomini. E tanta gente non esce più di casa come una volta, nessuno cammina da solo per strada di sera o di notte e hanno paura.

Ma è colpa loro? E’ colpa della società stessa? O è colpa delle entità politiche? Di chi è la colpa?

E la prostituzione? Esiste oppure no? Certo che esiste.

Quando ero piccola nella mia isola esisteva solo una piccola casa di due o tre donne che si prostituivano e nessuno parlava. Con il turismo i primi che iniziano a prostituirsi sono i maschi, ragazzi che in cambio vogliano una maglietta firmata, pantaloni firmati, qualche soldo nella tasca e donne affamate di sesso che li soddisfa ogni loro desiderio. Anche le ragazze cominciano pian piano a desiderare cose nuove e con la scusa che la famiglia è povera cadano in questo giro.

Vi racconto un episodio che mi è successo nel 2003 quando sono andata in vacanza:

“ Ero al mare, a Santa Maria nell’isola di Sal, con i miei amici. Mi piace fare camminate lunghe e avendo 8 km di solo sabbia bianca decise di fare una piccola passeggiata da sola. Mi piace ascoltare il rumore delle onde che sbattono sulla sabbia mentre cammino. Mentre camminavo pensavo, immaginavo, sognavo e a qualche passi da me si vedono i turisti sdraiati a prendere il sole o fare il bagno. Questo affollamento di persone ormai non ci facevo più caso, mi tenevo sempre più lontana. Al mio ritorno saluto tutti quanti perché se ne stavano andando, sono rimasta da sola… non volevo tornare a casa, mi piaceva stare lì. Dopo la loro partenza, non erano ancora passati neanche 10 minuti, arriva un signore senegalese. Stranamente inizia a parlare con me in italiano, questo fatto mi stupisce e gli dico ch’ero capoverdiana e che poteva parlare con me in creolo. E lui mi disse che pensavo che fosse italiana perché il mio creolo era diverso degli altri e che mi aveva sentito parlare italiano al telefono. E io lì non ho potuto farne a meno che sparare un bel belin, l’uomo mi aveva sentito anche parlare al telefono. Dopo tanti discorsi e presentazioni, lui mi propose un business:

“ Un mio amico italiano, ti ha visto camminare poco fa e si è innamorato di te. Vuole sposarti e farti felice. Ti invita a cena stasera e sei la sua ospite in albergo, Ti darà tutto quello che vuoi e in cambio per me mi dà 100 euro, accetti?”.

Wow, wow, wow… che proposta!! Un accordo? Una proposta? Contratto con il Diavolo?

Ho rifiutato la cosa,  e tuttora penso a quell’accaduto! Quindi le cose funzionano anche così giù??!! E’ tutto un mercato, vendere carne umana fresca al primo offerente!

Bambine, ragazze, donne che offrono il loro corpo in cambio di una misera cena e di una promessa che non verrà mai realizzata. Uomini vecchi e  pedofili che cercano la sorgente della gioventù tramite il sesso. Ragazze di 15 o 16 anni incinte e sole… il padre non c’è mai e rimane solo un ricordo di un avventura di sesso, forse un fantasma che si è dileguato nell’aria della notte.

Di fronte alle discoteche trovi donne nigeriane che spacciano per donne capoverdiane del sud…. insomma un grande caos.

In ogni società del mondo accadono questi fatti, nessuna società è libera da queste realtà, tutti noi dobbiamo far fronte a questi problemi quotidianamente, ci sono persone fortunate e sfortunate, i ricchi e i poveri, case e baracche, il negativo e il positivo.

Capo Verde sta correndo troppo veloce al mio avviso e una parte della sua società sta soffrendo tanto e necessita di aiuto.

Ha bisogno di investimenti nell’ambito educativo, salute, formazioni personali e il popolo capoverdiano deve imparare ad amare e rispettare la sua terra.

Come dice il poeta Luis de Camoes :

 “ Mudam-se os tempos, mudam-se as vontades,

Muda-se o ser, muda-se a confiança;

Todo o mundo é composto de mudança,

Tomando sempre novas qualidades.

Continuamente vemos novidades,

Diferentes em tudo da esperança;

Do mal ficam as magoas na lembrança,

E do bem ( se algum houve) as saudades.

Cambiano i tempi, cambiano le volontà,

Cambia l’essere. Cambia la fiducia;

Tutto il mondo è composto di cambiamento,

Prendendo sempre nuove qualità.

Continuamente vediamo novità,

Diverse in tutto dalla speranza;

Dal male rimangono le ferite nel ricordo.

E dal bene ( se ce stato alcun) le nostalgie.

Tratto da “ Auto da Alma (Gil Vicente), Sonetos e Cançoes (Camoes)”

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)