Il popolo capoverdiano e le sue credenze: La tradizione orale capoverdiana (Parte I)

Image by Comfreak from Pixabay

La tradizione orale è molto viva e folclorista nelle isole di Capo Verde. Spesso le narrazioni sono accompagnate da canti (Cantigas) e da frasi poetiche. È stato un elemento fondamentale nella formazione della società e della cultura capoverdiana negli anni.

Nell’arte popolare capoverdiana si manifesta la sensibilità e la genialità del suo popolo. Da isola ad isola le manifestazioni culturali possono variarsi o alterarsi.

“Poderà ser submetida a nomenciaturas que englobem as seguintes variantes, entre outras: – Brincadeiras+Crendices e Supertiçoes+Folkrore infantil+Linguagem Popular+ Musica e Literatura Oral+ Tradiçoes+ Usos e Costumes+ etc.”.

(Può essere sottoposto a nomenclature che includono, tra le altre, le seguenti varianti: Giochi + Credenze e Superstizioni + Folklore per bambini + Lingua popolare + Musica e letteratura orale + Tradizioni + Usi e costumi, ecc.”.)

Tratto da Ponto & Virgula (Revista de Intercambio Cultural) n° 10 e n° 11, 1984: O povo e algumas crenças em Cabo Verde

Per capire meglio la tradizione orale capoverdiana bisogna tenere in considerazioni alcuni aspetti che la caratterizzano:

  • Indovinelli
  • Anime tormentate e penitenti
  • Presagi
  • Incantesimi
  • Abitudini superstiziose
  • Luoghi infestati
  • Patti con il Demone
  • Paure
  • Maledizioni
  • Protezioni per il corpo e per l’anima
  • Messaggi nei sogni
  • Preghiere di difesa etc.

Ancora oggi, ad esempio, la credenza nel mondo invisibile è radicata nei ricordi di molti capoverdiani e per sconfiggere il “male” si fa sempre il segno della croce. 

L’infanzia di un bambino è “colorata” da storielle di spiriti, di streghe, di massoni, di un cane “Catchorrona”, di bambini con un dente solo che si trasformano in scheletri, di spose che camminano durante la notte alla ricerca di un marito e di anime che escono dal mare per reclamare quello che hanno perso durante la vita. Mia nonna non ci faceva mai sedere sulla soglia del portone in cortile a mezzogiorno perché era l’ora degli spiriti.

Gli anziani dicevano sempre: “E’ meglio andare al cimitero di notte che in chiesa, perché le anime tormentate e malvagie di notte vanno in chiesa per chiedere il perdono.”; “Se vi capita di notte d’incontrare un neonato con un solo dente, lasciatelo lì perché è un demone”; “Se un cagnolino vi insegue di notte, non girate mai indietro. Andate a casa, prima di entrare giratevi e chiedete al cagnolino se ha fame o sete. Se non fate così, il cagnolino crescerà, crescerà fino a diventare un catchorrona e vi prenderà.”; “Se alla vostra porta sentite bussare una volta, non aprite. È uno spirito malvagio.”.

Quando avevo dieci anni mia nonna mandò mi in vacanza da alcuni parenti nell’isola di Sao Nicolau. Per me è stato una grandissima scoperta, anche se ero molto piccola, mi colpì tantissimo il luogo e vivi dei momenti magici. Ero nell’entroterra dell’isola, Faja de Cima e quello che mi affascinò di più, era come alla sera ci raccontavano le storie/ le fiabe. Dopo la cena tutti noi bambini ci raccoglievamo in una stanza buia illuminata da una lampada a petrolio, ci sedevamo vicino alla signora più anziana della casa e lei iniziava la storia: “estoria, estoria fortuna do Senhor” e noi bambini rispondevano: “Amen” (Storia, storia fortuna del Signore… Amen!). Con questa frase la storia iniziava e a ogni sua frase si sentivano solo sussurri di paura e il vento fuori alimentava ancora le nostre paure.

Conoscere… Genova: Arte Ottomana 1450-1600 Natura e astrazione- uno sguardo sulla Sublime Porta!

Ho voluto scrivere questo articolo e condividere con voi questo magnifico viaggio nel passato. Nel 2014 è stata realizzata la mostra “Arte Ottomana 1450-1600” Natura e astrazione: uno sguardo sulla Sublime Porta al palazzo Nicolosio Lomellino a Genova. Vi lascio il link qui, merita dare un’occhiata:

http://www.arte.it/calendario-arte/genova/mostra-arte-ottomana-1450-1600-natura-e-astrazione-uno-sguardo-sulla-sublime-porta-10686#

Luogo: Palazzo Nicolosio Lomellino di Strada Nuova, Genova

Suggerimenti: Aprite il link e “visitate” la pagina

Anno: 2014

Via Garibaldi 7 foto ambrosi

Conoscere… Liguria: Stella Maris, Camogli!

Stella Maris è una festa tradizionale di Camogli nella riviera levante ligure. Ha origini nel 400 e viene celebrato ogni anno, la prima domenica del mese di agosto. Inizia nel pomeriggio e finisce nella tarda serata.

Mattina: Prendono largo tutte le barche verso Punta Chiappa e al centro del corteo, c’è il veliero “U Dragun”. A Punta Chiappa si tiene la messa, ora 11.

Pomeriggio: Una folla di persone proveniente da tutta la Liguria e non solo “invade” il borgo. C’è chi fa una passeggiata, chi prende un aperitivo, chi mangia il pesce buono e poi ci sono le sfilate di barche d’epoca.

Sera: È il momento più magico dell’evento, è il momento dei desideri. Le persone mettono tantissimi lumini accesi nel mare in onore della Madonna protettrice dei pescatori ed esprimano dei desideri. Diventa uno spettacolo unico ed emozionante.

Suggerimento:lasciate la macchina o il motorino prima di arrivare a Camogli, è molto difficile trovare un parcheggio dovuta all’affluenza dei visitatori. Usate i treni e ci sono sempre, fino a mezzanotte. E per chi ama il mare, da Genova ci sono i traghetti che ci porta. Camogli è un borgo da visitare tutto l’anno.

Ristoranti/ Bar: vi consiglio il bar AURIGA (via Garibaldi), fa degli ottimi aperitivi.

Sensazioni: che dire di Camogli? È bellissimo ed io ho la fortuna di poter andarci spesso. Quindi se nella prima domenica del mese di agosto vi troviate da questi parti, “fateci un salto”.

Anno: Queste foto sono state fate da me nel 2016.

Nota para os cabo-verdianos espalhados pelo mundo fora e cabo-verdianos em Cabo Verde, #coronavirus

Um ta escreve es nota porque algumas pessoas perguntam manera que no ta vive pra li e qual foi sensaçao quand chega noticia des virus na Italia, o nosso estado de alma e sobretudo manera que no ta vive neste momento.

A “Visao” ou o “Olhar” da chegada do Coronavirus no mundo de muitos nòs aqui em Italia (Genova):

  1. Primeira fase: A “chegada” de noticia de China foi um bomba, terrivel. Tud gente começa ta fala na el, tud dia ta chega noticia através de mass media e no tava tud que medo. Depois chega quel fase donde que no começa ta dze : “Yah, el ta na China e na Italia nunca el ta bem chega, ou se el chega el ca ser moda na China”. Entao tud gente tava tranquil, ta faze se vida como todos outros dias. Tava partilha videos tristes de pessoas ta morre na China, ta ser internod na hospital. Depois no começa ta partilha videos engraçados sobre a situaçao… pa descontrai um bocadinhe.
  2. Segunda fase: Virus chega na Italia um caso na um cidade de norte…panico total. No tava oia televisao tud dia, ouvi noticias, espia coisas na facebook, instagram etc. Casos começa ta aumenta, um , dois, tres, dez…assim via. Mas depois no dze: “Yah, el ta na quel cidade e Governo ja fetcha quel cidade, assim el ca ta chega na nos.” Entao, sempre pa descontraia e ca pensa,  no passa pa quel fase donde que no ta manda video de doideiras, de as novas modas de cumprimenta. Dentro nos coraçao ja no sabia porque es virus ja tava ta fca mais perto.
  3. Terceira fase: virus espalha na regiao de Lombardia, Veneto, Piemonte e Emilia-Romagna. Nos regiao è Liguria, el ta fca atacod na regioes de Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte. Bom situaçao ja tava ta fca mais complicod. Nos vizinhos ja tava cheio de casas, e nos med maior era porque ques pessoal de ques regioes tem tud casa de ferias pra li. O grave problema que acontece na Italia foi porque tinha dois correntes de pensamentos: primeire ta dze mo coronavirus era so um grique e que tava panhal so pessoas idosas e com problemas graves de saude (tcheu jovens pensa mo ca ta panhal); segund outros tava dze mo es virus era é muito prigoce. Na quem bo tava acredita? Nos coitadinhos no ca sabia na quem acredita e assim da origem à uma dualidade de pensamente. Tcheu pensa mo era um exageraçao. Tem quem começa ta corre pa lojas pa compra cmida. Tive momentos de guerra na lojas, maltas começa ta compra tudo. Governo tive que interveni ta dze populaçao pa fca calma e ques tava garanti cmida e remedios pa tud gente. Papel igienico li ta bem no começa ca ta encontral na loja hahahhaha. Ja ca tinha mais desinfitantes també (lixivia desaperece de lojas ahahahah). Agua? Pessoal começa ta compra tud agua. Saindo e fazendo assim governo tive que adopta outras misuras de segurança, fetcha ques regioes mais afectadas. Porém quel noite que foi dod es noticia, tud gente começa ta fugi. Quem na comboio, quem na corre pa tudo ques outres regioes de Italia.  Pessoal volta tud egoistas, ninguém ca pensa nos outros e o lema foi: “Se salve quem puder”. E foi isto nos grande erro, virus viaja pa tud conte des paìs. Mesmo assim tinha pessoas que tava ta ba tma sol na mar, parque, bar e ristorantes… na descontra… outro grande erro.
  4. Quarta fase: governo teve que po lockdown em todo o paìs, terça-feira 10 de março. Mesmo assim pessoas sai na rua, tudo outra vez pa ba pa lojas…panico total.  Começa ta aumenta casos na Genova e tudo nos começa ta vive momentos de panicos. Jà agora ca tinha mais nada pra fazer, virus ja estava espalhod. Es fase li è muito importante porque no começa ta comprende mo podia toca na tud gente; Nos tud ta na mesma situaçao. O que fazer? Segui indicaçao de governe ( e um ta dze bsot porque governe ta li trabai dia e noite pa afronta es situaçao). Fca mais relaxod possivel e fala ma pessoas amigas, familiares na telefone etc. Longe ma juntos ao mesmo tempo.
  5. Quinta fase: aceitaçao! Agora è espera quel ta passa mais rapido possivel e que vida ta volta normal. Algumas pessoas es tem que ba pa traboi, outros fca na casa. Tudo dia no ta fala ma pessoas queridas, no ta faze videochamadas, quem ta cozinha, tem quem ta le livre, tem quem ta oia film etc. No ta partilha coisas lindas e positivas.

Nha opiniao: bsot ca entra em panico, bsot usa inteligencia e bsot proteja bsot velhinhos e pessoas com problemas de saude, isto quer dizer, bsot ca ba espias na casa porque qualquer um de nos pode tem quel virus e nem no ca sabe mo no tel. Es virus pode fca na organismo de um pessoa sem da senhal. Bsot segui indicaçao de governos e fca tranquil… NADA DE PANICOS. Cada criança na se casa, ca tem saida pa bringa ma amigos. Criança è mais dificel panhal  e ses panhal es tem mais força, mas es pode ser grandes portadores des virus e ataca nosse vovos. Quand bsot ba faze compra, bsot lembra mo tem outros. Beijos para todos e take care of you and be safe. Manera que no ta dze li na Italia: un abbraccio forte, forte.

Il disastro dell’Assistenza a Capo Verde, 20 febbraio 1949

Funerale delle vittime

Ricordo quando ero bambina mia nonna mi raccontava del tragico periodo che colpì Capo Verde duramente, la “Fame degli anni 40”. Tutto l’arcipelago era stato percorso da una grande siccità, anni senza pioggia, il mondo era coinvolto nella Seconda guerra mondiale, le merci non arrivavano e moriranno migliaia di persone. Periodo di grande carestia che cambiò il paese profondamente sia nell’ambito sociale, sia economico che politicamente.

Alcune persone venivano sepolte vive, erano deboli e quindi facilmente dichiarate decedute. Furono scavate fosse comuni nei villaggi e nelle città per seppellire i corpi. I dottori, gli infermieri, i becchini lavoravano giorni e notti senza sosta e molti di loro erano in condizioni di grande stanchezza. Con le poche risorse che avevano alla loro disposizione, erano arrivati al punto di dichiarare persone ancora vive, morte.

C’è un racconto dell’isola di Sao Vicente dove un dottore, una volta accertato lo stato di morte di un paziente, esso fu portato via per essere seppellito in una delle tante fosse sparse nell’isola. I becchini lo stavano per seppellirlo quando reagì con la poca forza che le era rimasta, dicendo: “Sono vivo, sono vivo” e loro risposero: “Il dottore ha detto che è morto, è morto.”. E fu così che lo seppellirono insieme agli altri ancora vivo.

Il 20 febbraio del 1949 è stato uno dei giorni più brutti nella storia di Capo Verde. Questo giorno segnala un fatto di cronaca nera e rimarrà nei ricordi dei capoverdiani. Venne chiamato IL DISASTRO DELL’ASSISTENZA. Era quasi mezzogiorno quando il tetto di un edifico di servizi per l’assistenza ai più bisognosi, “Barracao”, crollò. Barracao, cioè, capannone forniva cibo alle persone non solo dell’isola di Santiago (soprattutto dell’entroterra) ma anche alle persone proveniente dalle altre isole, che per sfuggire alla fame si rifugiarono nella capitale, Praia.

Barracao
(Foto di Nha Terra Nha Cretcheu)

Quel fatidico giorno tantissime persone erano lì che aspettavano il cibo. Il bilancio di morte è di 232 persone, la maggior parte bambini e 77 feriti. La società con l’aiuto dei militari e dei funzionari dei servizi pubblici seppe reagire tempestivamente e crearono mezzi per trasportare i feriti in ospedale.

La notizia di questo disastro venne trasmessa attraverso i mezzi di comunicazioni (radio e giornali) in tutte le altre isole. Più tardi molte persone aderirono alla causa “Aiutare le famiglie delle vittime”, anche i capoverdiani residenti nelle altre colonie portoghesi in Africa. Fu creata una commissione per la raccolta di fondi. Non ci sono notizie documentate riguardo alla somma raggiunta, però alcuni sostengono che il denaro raccolto fu utilizzato nella costruzione delle prime case nel “Barrio Craveiro Lopes”, Praia, e che furano destinate successivamente alle famiglie delle vittime.

 Nel 2016 le vittime furono omaggiate con un monumento realizzato per l’azienda di telecomunicazione del paese, Cabo Verde Telecom. Il monumento è a Gamboa a pochi metri dov’è successo la tragedia e fu inaugurato dal Primo Ministro all’epoca, José Maria Neves. Le tre barre di ferro simboleggiano la famiglia e i 40 anelli rappresentano le vittime del disastro dell’assistenza.

Il monumento

(Tratto dal programma “Nha Terra Nha Cretcheu” di Giordano Custodio, RTP Africa)

AAA Cercasi: chi ha vinto il viaggio per Capo Verde???

Vi ricordate nel 2017 il concorso di Coca Cola: “Vinci un viaggio…” ???? Era possibile vincere un viaggio ai posti esotici, tra cui Capo Verde. Ma chi ha vinto questo viaggio??? ha ha ha…

Esisto e non Esisto

Image by Gordon Johnson from Pixabay

Ciò che non posso raggiungere ora

Lo raggiungerò con l’ immaginazione.

Ciò che non posso toccare

Lo toccherò con il mio cuore.

Da qui creo il movimento con i miei pensieri vaganti.

Ciò che non posso vedere con i miei occhi

Lo vedrò con gli occhi degli altri.

Ciò che non esiste per me, esiste nella notte

Ciò che esiste per me, non esiste nel giorno.

So di esistere in una realtà che scorre nella natura.

Sergio Frusoni, il poeta italo capoverdiano

Dati Biografici

Sergio Frusoni fu un poeta italo-capoverdiano. Nacque il 10 Agosto del 1901 nella città di Mindelo, São Vicente. Figlio di genitori italiani, Giuseppe Frusoni commerciante di corallo e di Erminia Bonucci. Giuseppe Frusoni era in società con Pietro Bonucci, fratello della moglie, a Mindelo.

A Capo Verde Sergio Frusoni frequentò gli studi fino alla quarta elementare. Il padre mandò Sergio e il fratello Emanuele in un collegio in Italia. Nel collegio erano spesso picchiati e così il padre li fece ritornare a Mindelo. Ancora giovane lavorò alla “Western Telegraph Company” come telegrafista. Dopo un periodo di lavoro lasciò l’impiego, a causa di alcune incomprensioni con un collega inglese. Nel frattempo lui raggiunse l’età del servizio militare e il padre decise di mandarlo in Italia. A Livorno conobbe Mary Carlini con la quale si sposò il 26 Giugno del 1924.

Nel 1925 Sergio Frusoni tornò a Mindelo con la moglie. Nello stesso anno nacque la prima figlia Lilia. Sergio Frusoni trovò subito lavoro nella compagnia italiana “Italcable”, concorrente della compagnia inglese “Western Telegraph Company”.

Nel 1931 ottenne il trasferimento ad Anzio, e dopo un anno circa venne trasferito a Roma. Nel 1932 morì la figlia Lilia. Sergio Frusoni e la consorte ebbero ancora quattro figli: Franco, Giovanna e Mario nati a La Spezia e l’ultimo Fernando a Roma.

Quando scoppiò la Seconda Guerra Mondiale, Sergio Frusoni entrò a far parte dell’esercito italiano. Fu imprigionato in un campo di concentramento americano a Coltano. Nello stesso campo fu prigioniero anche suo figlio Franco, ancora minorenne. Furono liberati solo alla fine della guerra.

Nel 1947 Sergio Frusoni e famiglia partirono da Genova per Capo Verde con scalo a Lisbona.

A São Vicente furono accolti dallo zio Pietro Bonucci nella sua casa. Sergio Frusoni lavorò come aiutante al negozio dello zio. Con il passare dei tempi riuscì ad aprire un bar di nome “Caffè Sport”. Fortunatamente qualche tempo dopo rientrò a lavorare di nuovo all’Italcable (chiuso nel periodo della Seconda Guerra Mondiale, perché gli inglesi tagliarono il cavo sottomarino). Lavorò lì fino al 1964. Con la pensione nel 1966 decise di partire per Genova insieme alla moglie, rimasero fino al 1971. Ripartirono di nuovo per l’isola di Sao Vicente e nel 1974 decisero di andare a Lisbona dal figlio Franco e lì nel 1975 morì.

Curiosità:

Uomo di rara sensibilità ha osservò la società di Mindelo descrivendola con maestria nei sui vari poemi scrivendo in creolo di São Vicente. Scrisse anche dei poemi in portoghese, inglese e italiano.

Molti dei suoi poemi sono riuniti nel libro di Dott. Augusto Mesquitela Lima con il titolo in portoghese “A Poética de Sergio Frusoni – Uma Leitura Antropologica”, edizione dell’Istituto di Cultura e Lingua Portoghese e Istituto Caboverdiano do Livro e Disco, 1992.

Fece la libera traduzione del libro “Er Vangelo Secondo Noantri!” di Bartolomeo Rossetti scritto nel dialetto romano in creolo “Vangêl Contód d’nôs Móda “una edizione della “Terra Nova” Sao Filipe-Fogo e finito di stampare nel 1979   Grafica e stampa: Comunicazione s.n.c. Bra (CN).

Scrisse anche dei racconti come Ti Karanga e Mari Matchim facendo parte del “Mosaico Mindelense” e furono trasmessi alla Radio Barlavento di Mindelo.

Utilizzando la musica di “Manché” scrisse le parole di un’operetta musicale di nome “Cuscujada” recitata dal figlio Franco in teatro con il Congiunto Scenico Castilhano.

Nell’ambito musicale scrisse le parole e compose la musica della Morna (musica tipica di Capo Verde) “Tempe d’ caniquinha”, “Ó Maria Hortensa” e ancora una marcia che la Banda Municipale suonava nella piazza principale di Mindelo.

All’età di cinquantadue anni dedicò il suo tempo libero alla pittura. Dipinse vari quadri tra cui un ritratto de Papa Giovanni XXIII e uno di Kennedy. Dipinse anche quadri con figure tipiche di Mindelo, ritratti della moglie e di una sua nipote.

Genova, 8 di Novembre 2012

Fernando Frusoni, il figlio. 

(Le sue poesie sono sul blog dell’Associazione Italo Capoverdiana, che è gestito da me e da un’altra collaboratrice, Ilaria.)               

Il pensiero

Image by Gordon Johnson from Pixabay

Dolce amore tormentato

Corpo isolato dal mio

Pensiero sfuggente

Cuore indolente.

Fuoco del mio credere e non credere

Voler mio e non voler mio

A te chiedo perdono

A te dedico un istante

Pura illusione e visione

A te bacio le mani

Per te impugno la spada dell’amore.

Sopra ogni lacrima tua,

Vivo nella tua dimora

Che un giorno fu casa tua .

Ti porgo la mia gioia

Su un trofeo che non fu mai vinto.



Qamar