Visita al Santuario Nostra Signora della Guardia

Oggi vi presento il Santuario della Nostra Signora della Guardia. Il santuario rimane sulla cima del monte Figogna, nei pressi di Genova.

E’ stata un visita piacevole, serena e armoniosa. Sono sempre stata scettica su determinati luoghi di culto, però oggi ho provato una sensazione di pace e di felicità. Era tutto perfetto e il silenzio regnava!

Vi lascio con alcuni scatti:

Santuario della Nostra Signora della Guardia.

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Torretta di Quezzi a Genova

Restando “chiusi” nelle proprie città e paesi abbiamo avuto modo di conoscere ciò che è intorno a noi.

Senz’altro questa pandemia ci ha fatto scoprire ciò che abbiamo vicino o intorno a noi. Oggi vi presento Torretta di Quezzi con vista panoramica sulla città.

La torretta di Quezzi o Torre Quezzi fu costruita tra il 1818 e il 1823. L’idea iniziale era di costruite 12 di queste torrette sulla collina di Quezzi fino ad arivare a Monte Fasce, però il progetto fu poi abbandonato.

Oggi è possibile fare della camminate lungo il sentiero e ammirare alcune quartieri della città (Sant’Eusebio, Quezzi, Marassi, Apparizione, San Gottardo e Molassana) e anche il mare.

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Oggi andiamo a Certosa, Genova!

Vi presento i MURALES DI CERTOSA.

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

È arrivata l’oscurità a Genova, la Caligo!

Tra le nebbie del mare arrivò Caronte per trasportare le anime.

Dal mare udiamo le navi suonare le sirene, tutto è confuso. Città superba, città dannata.

Oggi tutti scatenati sui social (Facebook😛📖, Instagram) per Caligo. Tantissimi foto e video.

Un fenomeno che accade, tra la fine dell’inverno e la primavera. Impressionante, tutto viene avvolto dalla nebbia.

Già nel primo pomeriggio diverse segnalazioni da Rapallo, Sestri Levante e Portofino per poi arrivare nel tardo pomeriggio a Genova.

La Caligo o il Caligo si forma con l’aria calda della superficie e quella marina fredda, dando origine a una nebbia fitta.

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Neve in Liguria

Neve in Liguria

Abbiamo iniziato il 2021 con allerta neve in Liguria, anche sulle coste delle città. A Genova qualche spruzzo di neve in città è arrivato nel dicembre del 2020.

A pochissimi km da Genova è possibile ammirare e camminare tra la neve. Il Passo del Turchino e il Passo del Faiallo offrono un paesaggio eccezionale e singolare.

Dalla parte orientale del Bric Geremia, c’è il Forte Geremia. Dal Forte Geremia è possibile vedere la costa, Genova!

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Autunno in città: Genova!

Porto di Genova

Autunno è la stagione di pioggia, di temporali, di cambiamento e di rinascita! Sono nata in autunno e quindi per me è la stagione del raccoglimento spirituale e della scoperta interiore. Quando arriva l’autunno, arriva anche la nostalgia. Si affiorano quei ricordi nostalgici e quei pensieri sulla vita.

L’autunno è la stagione magica, degli elfi e dei folletti, della poesia e dell’amore. È il periodo dei tramonti spettacolari e dei temporali.

In Liguria, quando arriva l’autunno arriva anche la pioggia, spesso pericolosa e dannosa all’ambiente e alle persone (alluvioni, frane ecc.). Nonostante ciò, l’autunno lascia spazio anche ai colori e alla bellezza della natura.

Oggi vi presento alcuni dei miei scatti per la città di Genova. So che siamo già nell’inverno ma volevo rendere omaggio alla stagione “AUTUNNO”.

I colori delle foglie in autunno:

Le foglie si appoggiano delicatamente sulla terra, eseguendo una danza rotatoria e silenziosa.

Arte nel cielo:

La città:

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Facciamo un giro virtuale a Genova?

Oggi vi presento due video: “Alcuni scatti di Genova” e “Castello D’Albertis”.

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Buon Natale😄🎄🎁❄🎅 da Genova!

Albero di Natale🎄🎄🎄 in piazza De Ferrari

Piazza De Ferrari, Genova

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Intervista a Jasmeen Da Graça Vasconcelhos

Cabeça ca é feito so pa po bone (La testa non è fatta solo per metterci il cappello)

Jasmeen Da Graça Vasconcelhos

Jasmeen Da Graça Vasconcelos nasce a Genova nel 1994 da genitori capoverdiani. I suoi genitori sono originari dell’isola di Santo Antao, Capo Verde. È una ragazza di mille qualità: sincera, simpatica e molto creativa. Si definisce come una ragazza impaziente e indipendente. Ama le “Sfide” e cerca sempre di creare qualcosa di nuovo.

Dopo la maturità, a solo diciannove anni, si trasferisce a Madrid. Studia in una scuola privata il Make-up. Attualmente lavora come manager in un negozio di make-up.

Sandy: “Oi! È un piacere averti qui con noi a Tè con Sandy e Mea! Benvenuta!”

Jasmeen: “Grazie dell’invito!”

Sandy: “ Chi è Jasmeen?”

Jasmeen: “E’ una ragazza impaziente ed ama la Sfida”.

Sandy: “Una frase o una citazione capoverdiana che non dimenticherai mai?”

Jasmeen: “Cabeça ca é feito so pa po bone (La testa non è fatta solo per metterci il cappello), era una frase che diceva mio nonno a mia mamma per ricordarsi sempre di usare la testa”.

Sandy: “So che ti sei trasferita in Spagna. Come ti trovi?”

Jasmeen: “Sì! Adesso lavoro a Madrid, sono manager in un negozio di make-up. Mi trovo bene qui. Da sempre sono stata molto indipendente, così mi sono allontanata dai miei e da casa per cercare fortuna da sola. Ma mi manca la mia famiglia”.

Sandy: “Hai dovuto compiere dei sacrifici per arrivare dove sei ora? Il gioco è valso la candela?”

Jasmeen: “Sì, certo! Lo rifarei mille volte”.

Sandy: “Quando hai preso la decisione di trasferirti a Madrid i tuoi genitori ti hanno appoggiata?”

Jasmeen: “Sì, mi hanno appoggiata!”

Sandy: “In che cosa credi?”

Jasmeen: “In me stessa, o almeno ci provo! Ahahahaha alla fine credo che nessuno ci può aiutare più di noi stessi”.

Sandy: “Il tuo mestiere o il tuo lavoro ti ha resa felice?”

Jasmeen: “Direi di sì! Mi piace ancora il mio lavoro, però devo confessarti che mi piace imparare sempre cose nuove e quando non imparo o non c’è “sfida” non sono felice”.

Sandy: “Piatto capoverdiano? Piatto italiano?”

Jasmeen: “Buzios con patate e spaghetti al pesto (di mia mamma)”.

Sandy: “Musica capoverdiana? Musica italiana?”

Jasmeen: “Tutta la musica capoverdiana mi piace, ma in particolare quella di Mayra Andrade. Musica italiana invece ascolto quella di Cesare Cremonini!”

Sandy: “Dammi il primo consiglio che ti viene in mente?”

Jasmeen: “Sii cuoriosa!”

Sandy: “Cosa ti piace della tua città?”

Jasmeen: “Mi piace il Porto Antico! Mi è sempre affascinata quel luogo”.

Sandy: “Un pregio e un difetto della tua città?”

Jasmeen: “Un pregio il mare, difetto il mugugno!”

Sandy: “Cosa pensi del razzismo? Mai subito episodi di razzismo? Se sì, raccontaci un episodio”.

Jasmeen: “Penso che non abbia senso il razzismo e che molte volte è solo ignoranza. Molti razzisti lo sono perché non hanno mai avuto bisogno di uscire dal proprio paese o non hanno conosciuto bene persone di altre culture. Episodi razzisti? Purtroppo, sì ed è stato traumatico. Quando ero piccola una signora sull’autobus mi chiese se il posto dov’ero seduta era comodo e dopo iniziò a urlare che dovevo alzarmi e andare al mio paese (c’erano molti posti sull’autobus ma la signora si voleva sedere proprio dov’ero seduta io)”.

Sandy: “Cosa ti piace dell’Italia e no?”

Jasmeen: “Il cibo decisamente. Invece quello che non mi piace è la falsità”.

Sandy: “Come hai vissuto il periodo di lockdown a Madrid?”

Jasmeen: “Una situazione nuova per tutti quanti, l’ho vissuta bene”.

Sandy: “Come ti vedi o dove ti vedi fra dieci anni?”

Jasmeen: “Spero con figli e di avere un lavoro più gratificante!”

Sandy: “Pensi di ritornare un giorno a Genova? Capo Verde?”

Jasmeen: “A Genova a vivere per adesso no, a Capo Verde ci sono stata in vacanza varie volte”.

Sandy: “Sogni nel cassetto?”

Jasmeen: “Sogni nel cassetto? Troppi direi ahahaha”.

Sandy: “Ti ringrazio per la tua intervista, è stato un piacere! In bocca al lupo per tutti i tuoi progetti!”

Jasmeen: “Viva il lupo! Grazie a te!”