Nhô Manel, il Van Helsing degli stregoni di São Nicolau

Leggende, tradizioni orali, paesaggi e stregoneria: storie umane e storie di spiriti maligni.

Parte I

L’anatra con la collana d’oro

Nhô Manel, il Van Helsing degli stregoni di São Nicolau

Lui li odiava tutti, il suo scopo nella vita era smascherarli uno alla volta dandoli il colpo di Grazia senza timore e senza pietà!”

Nella contea di Ribeira Brava, sull’isola di São Nicolau, viveva nhô Manel. Un mandrongue* di occhi azzurri, capelli biondi, alto, astuto e di famiglia ricca. Era l’unico a possedere una macchina su tutta l’isola, gli capitava spesso di portare la gente da un luogo all’altro.

A quei tempi molte persone erano costrette a spostarsi da un villaggio all’altro a piedi. Si svegliavano di notte e percorrevano distanze lunghe nel buio e nel silenzio delle ombre degli alberi. Spesso poteva capitarli di vedere la luce delle streghe. Era una luce intensa di tantissimi colori, appariva e spariva velocemente e quando capitava di vederne una a distanza ravvicinata era meglio distogliere lo sguardo. I rischi erano:

  • Diventare pazzi;
  • Perdere la vita o la propria anima;
  • Essere posseduti da uno spirito maligno.

Quel che non piaceva a nhô Manel erano gli stregoni che cercavano di vivere nella menzogna. Lui li odiava tutti, il suo scopo nella vita era smascherarli uno alla volta dandoli il colpo di Grazia senza timore e senza pietà.

Una notte nhô Manel uscì di casa per andare a prendere delle persone nella piazza centrale di Vila Ribeira Brava. Mentre percorreva la strada di terra battuta imbatté in un’anatra con una collana d’oro.

I suoi sensi si attivarono subito: “ Cosa faceva un’anatra a quell’ora in mezzo alla strada?”, “Con una collana d’oro?”. Così scese dalla macchina a controllare più da vicino, l’anatra era immobile e lo fissava. Quello che vide nhô Manel fu che l’anatra aveva i piedi umani, senza perdere tempo corse verso la macchina e accesi i motori.

Urlò: “Esci dalla mia strada sennò ti investo!”. Ma l’anatra non si mosse, allorché gli è venuto un idea. Spensi i motori della macchina (nhô Manel non aveva paura di niente e di nessuno), andò verso l’anatra, prese la collana e se ne andò per la sua strada.

Due mattine seguenti ricevette una convocazione per presentarsi in tribunale, qualcuno gli aveva fatto causa.

Non si agitò, sapeva già chi l’aveva fatto causa. Il giorno dopo con passi veloci e decisi si diresse verso il tribunale.

Il tribunale era un piccolo edificio stile coloniale e al suo ingresso vi era una guardia che controllava le persone prima di entrare. Nhô Manel fece il solito saluto, dichiarò perché era lì presentando la lettera ed entrò.

Quando arrivò nella sala dove erano presenti il giudice e altre decine di persone, vide seduto João di Covoada tutto tremolante con aria accusatoria. Il giudice lo fece accomodarsi e iniziò l’udienza.

Giudice: “Buongiorno a tutti! Dichiaro aperta la seduta. Oggi siamo riunite qui perché signor João di Covoada, qui presente, accusa nhô Manel di averlo derubato. L’oggetto in questione è una collana d’oro. Nhô Manel cosa ha da dire in sua difesa?”

Nhô Manel: “Buongiorno signor Giudice, buongiorno a tutti. In mia difesa dico che non ho preso o rubato nessuna collana…”.

João interrompé: “E’ stato lui signor Giudice, è stato lui. Era notte fonda, stavo andando all’orto. Come ben sa signor Giudice io vengo da una famiglia povera e siamo oneste persone. Stavo andando a tra um dia de traboi (“togliere” un giorno di lavoro)…”.

Signor João iniziò a piangere come un bambino, nhô Manel si arrabbiò moltissimo. Era inaccettabile una situazione del genere. Un uomo che era uno stregone e per lo più stava piangendo come un bambino, per lui era una presa in giro.

Nhô Manel: “No, no, no signor Giudice. Io non ho preso la collana a costui ma sì a un’anatra. Stavo andando a lavorare due notti fa quando sulla mia strada si presentò un’anatra. Se il signor João dice che la collana è sua, allora era lui l’anatra”.

João: “Come si permette di accusarmi di essere un’anatra? Brutta merda, io sono un uomo dignitoso e un gran lavoratore”.

Nhô Manel:“ Con caralho*, chi crede di essere per parlarmi così?”

Giudice: “Silenzio in aula, silenzio e non voglio sentire queste parole nella mia aula. Signori comportati da gentiluomini. Dunque nhô Manel ha preso o non ha preso la collana a questo signore?”

Nhô Manel: “ Come ho già detto in precedenza, io non ho preso nessuna collana a quest’uomo di cattive usanze…”.

João: “ Ubi, bo cre porrada? Bo cre porrada? (Ascolta, vuoi delle botte? Vuoi delle botte) Andiamo fuori a risolvere la questione da uomo a uomo se ha il coraggio. No bai, no bai! (Andiamo, andiamo)”.

Giudice: “ Signori, signori… se non vi fermate, vi faccio arrestare tutti due”.

Nhô Manel: “Signor Giudice, è lui che mi sta insultando. Io sono un uomo integro e sincero. Quello che vi sto raccontando è la pura verità”.

Mentre pronunciava queste parole, vide negli occhi di João l’odio. L’odio di chi era pronto a esplodere e di commettere un assassinio in piena seduta in un piccolo tribunale di un paesino di brava gente.

Giudice: “ Signor João, le chiedo ancora un’altra volta: è vero o no che nhô Manel le presi la collana d’oro?”

João: “ Signor Giudice, io sono un uomo onesto e di buona famiglia…”.

Giudice: “Non le ho chiesto di illustrarmi il suo carattere e le sue origini, ma se il signore qui presente ha commesso il reato di cui la sta accusando?”.

João: “ Sì, signor Giudice è stato lui”.

Nhô Manel gonfiò il petto di coraggio e di aria stagna del tribunale (le finestre erano chiuse per non fare entrare le mosche. Si avvicinava la stagione della pioggia): “ Io non ho commesso nessun reato. Anzi accuso IO il signore qui presente di essere uno stregone”.

La luce calò nella sala, silenzio tombale e il tempo si fermò per un istante. L’aria nell’aula non era più aria, solo l’odore di un cadavere in fase di decomposizione. Purtroppo per nhô Manel a Capo Verde era uscita una legge che nessuno poteva accusare nessuno di stregoneria. Nhô Manel compresi che aveva sbagliato, quella frase era uscita dalla sua bocca senza volerlo.

Pensò: “Caralho! Questa mi costerà cara”.

Come andò a finire? Nhô Manel persi la sua battaglia contro lo stregone e dovete restituire la collana. Non fu condannato, soltanto dovete pagare una somma di denaro come risarcimento a João di Covoada.

Quando usciranno dal tribunale, nhô Manel vide la faccia di João tutta sorridente e gli si avvicinò:

“Oggi ho perso una battaglia, non la guerra. Giuro che vi darò la caccia uno a uno, giuro per quello che ho di più prezioso in questo mondo e che mi sia testimoni il cielo che vi brucerò tutti. Ah se um tra bsot merda, carallho!”

Da quel giorno nho Manel diventò il Van Helsing degli stregoni di Sao Nicolau.

*Nho (in italiano si pronuncia Gno): signore.

*Mandrongue/ mandrongo: un appellativo usato per descrivere i portoghesi o figli di portoghesi nati a Capo Verde nell’era coloniale, che poi è rimasto nel tempo.

* Caralho: è una parolaccia in portoghese.

Ringrazio Georgina Lopes per avermi raccontato le storie di Nho Manel e Fernanda Gomes per avermi aiutata a ricordare un po’ di Sao Nicolau.

Sandra Andrade

(Frammenti di una Capoverdiana)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...