Intervista a Joanicia da Cruz

“Voilà! Rien ne va plus, les jeux sont faits”

Joanicia Adelina Amador da Cruz nasce il 21 giugno 1993 a Porto Novo nell’isola di Santo Antao, Capo Verde.

È arrivata in Italia il 17 febbraio 2007 da sola, per raggiungere la madre, lasciando il padre con cui fino a quest’età è cresciuta. È stato un viaggio doloroso perché non voleva staccarsi da lui.

Si è diplomata nel 2013 alla scuola alberghiera Marco Polo di Genova.

Joanicia è una ragazza che ha tanta voglia di fare, intraprendente, determinata, simpatica, solare, disponibile, responsabile; è bravissima a cucinare, soprattutto i dolci.

Se passi una giornata con lei te ne accorgerai che è una ragazza piena di talento, amabile e sempre col sorriso sulle labbra.

Nel 2015 parte per una nuova avventura, si trasferisce in Francia a Les Ulis.

Sandy: ” Ciao Joanicia! Benvenuta a Tè con Sandy e Mea! Chi è Joanicia?”

Joanicia: “Joanicia è una capoverdiana e sono fiera di esserlo e nel mio cuore ci sono dieci puntini (le dieci isole) metto al primo posto il dovere e poi il piacere, sono simpatica e socievole, amo la solitudine ma sono anche una mina vagante e quando mi arrabbio mi arrabbio!”

Sandy: “Ci conosciamo da un po’, intervistarti è un piacere immenso! So che ci sarà da divertirsi ma soprattutto sarà un momento di condivisione. Sei arrivata a Genova nel 2007 per ricongiungere con tua madre, i tuoi due fratelli più grandi e una sorella più piccola. Hai fatto la scuola alberghiera Marco Polo, fra l’altro portando all’esame una tesina su Capo Verde. Per iniziare raccontaci la tua esperienza quando sei arrivata in Italia”.

Joanicia: ” La prima cosa che mi ha colpita appena sono arrivata qui, di preciso a Malpensa, è che non si vedeva niente, nemmeno la strada, per la nebbia, sembravo un prosciutto congelato, ero abituata al sole della mia terra e mi mancava già mio padre. Infatti, a Genova il giorno dopo sono uscita con i capelli bagnati, cosa che facevo sempre, e mi sono ammalata, sull’ autobus ho preso una multa perché avevo lasciato il portafoglio a casa, non capivo niente, dovevo abituarmi. L’ unica cosa che mi rendeva felice era rivedere mia madre dopo cinque anni e stare con i miei fratelli”.

Sandy: “Com’era la tua vita a Capo Verde?”

Joanicia: “Era bellissima, ho dei bei ricordi: mio padre mi portava all’asilo in bici giocavo sempre con i maschi, ricordo le corse dei cavalli”.

Sandy: “Cavalli? Sai andare a cavallo?”

(Risate)

Joanicia: “Ma no, usavamo le scope! Saltavamo la corda. La cosa bella era che si poteva camminare senza scarpe, si usciva anche con una maglietta strappata e andava bene; stavo tranquilla”.

Sandy: “A scuola a Genova? Con i nuovi compagni e professori?”

Joanicia: “Un pesce fuor d’ acqua, non respiravo!!! L’unica cosa bella era che in classe con me c’era mio fratello Edgar, quindi parlavamo in creolo prendevamo la gente in giro … ma non capivo niente di italiano, infatti andavo anche alla scuola di italiano Wall Street, stavo delle ore con le cuffie e ripetevo come una scema le frasi. Alcuni miei compagni erano antipatici quindi non ho legato più di tanto con loro, son rimasti conoscenti ma non siamo diventati amici. A scuola prestavo attenzione alle lezioni però tante volte mi addormentavo. Odio il freddo e la neve, mi congelo tutta…. voglio il caldo!”

(Risate)

Sandy: “Sei riuscita col tempo a farti degli amici a Genova?”

Joanicia: “Non avevo amici, la maggior parte delle volte uscivo da sola se no mi vedevo coi ragazzi del mio stesso palazzo nella piazzetta, al massimo uscivo con mia sorella più piccola e mia cugina”.

Sandy: “Hai mai lavorato qui o fatto stage dato che hai fatto l’alberghiero?”

Joanicia: “Ho lavorato ad Albisola come aiuto cuoco, e nel 2010 in Costa Azzurra un mese a San Raphael in un villaggio turistico”.

Sandy: “E com’ è andata la tua esperienza lavorativa in questi luoghi?”

Joanicia: “Non ti puoi aspettare granché, usano prodotti già pronti, devi solo finire il lavoro. Per uno che vuole imparare e ha passione per la cucina è stata una delusione, però è stato bello perché ho potuto imparare un’altra lingua e mi sono anche divertita”.

Sandy: “So che sei bravissima a cucinare ed è sempre stata la tua passione sin da piccola… è solo per questo che hai scelto l’alberghiero?”

Joanicia: “Non solo per questo. Ho visto da un volantino che ci avevano dato alle scuole medie e così decisi da sola iniziare quella scuola”.

Sandy: “Come ti sei trovata al Marco Polo?”

Joanicia: “Hanno delle regole rigide, o ci stai o te ne vai. la preside ci aspettava all’ entrata della scuola per controllare come eravamo vestiti e diceva che lì si andava a studiare, diceva di stare tranquilli e che una volta usciti di lì avremmo trovato subito lavoro. I primi due anni sono di teoria mentre dal terzo anno inizi a fare pratica, l’unica cosa che non mi piaceva era montare il latte!” (Risate)

Sandy: “Ti piace di più fare la cuoca o la pasticcera?”

Joanicia: “Mi piace di più fare i dolci, quando faccio una torta mi sento soddisfatta e dico cavolo l’ho fatta io!”

Sandy: “Hai mai subito comportamenti razzisti qui?”

Joanicia: “Si ma non gli ho dato troppa importanza, mi hanno dato della negra e detto di tornare al mio paese oppure sull’ autobus mi è capitato di vedere che quando passavo, le signore tenevano strette le loro borse poi sono le prime che d’ estate vanno a prendere il sole per diventare nere”.

Sandy: “In questi giorni stiamo assistendo a varie proteste per la morte di George Floyd nel corso di un arresto eseguito della polizia di Minneapolis (Minnesota). Tantissime persone sono scese in piazza in tutto il mondo per manifestare contro l’abuso di potere da parte delle forze dell’ordine e contro l’odio razziale. Cosa ne pensi di tutto ciò?”

Joanicia: “Penso che questo non finirà mai, adesso nessuno ascolta nessuno. Le manifestazioni non servono ora perché finiscono sempre male, scontri e guerre. E sinceramente trovo tutto questo molto triste”.

Sandy: “Molte persone sostengono che bisogna protestare, al di là degli scontri, si può farlo pacificamente. Secondo te, tutto ciò porterà a una maggior apertura mentale e di cuore?”

Joanicia: “La vedo dura, giustamente perché ci saranno ancora più scontri e non ci saranno dei miglioramenti/cambiamenti positivi. Siamo tutti stanchi di quest’odio razziale, però la violenza con la violenza non ci porterà da nessuna parte. Sono d’accordo che bisogna protestare ma pacificamente. Comunque, con questi governi corrotti non cambierà nulla perché i razzisti troveranno sempre una via di scampo, una scusa per giustificare il loro atteggiamento”.

Sandy: “Bene! Poi un giorno hai deciso di lasciare Genova e sei partita per una nuova avventura…Francia! Non ti manca un po’ Italia? Genova?”

Joanicia: “Mi dispiace di aver lasciato l’Italia per il semplice motivo, ho avuto l’opportunità di studiare lì, ho imparato la lingua e ho conseguito un diploma. Ringrazio l’Italia per avermi dato l’opportunità a mia mamma di avermi fatto studiare e questo mi è permesso di essere qui e di avere un lavoro! Mi manca i miei cari, però l’Italia ora non è pronta per cambiamenti e non hai la possibilità di crescere nel lavoro. È tutto molto chiuso e ristretto”.

Sandy: “Com’è la tua nuova vita?”

Joanicia: “La mia nuova vita? Una meraviglia! Mi sono trasferita a Les Ulis (rimane a venti minuti da Parigi) cinque anni fa, arrivata qui ho fatto una formazione per imparare la lingua bene e nel frattempo sono diventata mamma. Oggi lavoro, ho un bellissimo bimbo di tre anni e un compagno. Sono felice della mia scelta di venire qui”.

Sandy: “Lavori sempre nel campo alberghiero?”

Joanicia: “No, dopo che ho avuto il bambino ho dovuto trovare un altro lavoro per via degli orari. Adesso lavoro da lunedì a venerdì e ho più tempo per stare con la mia famiglia”.

Sandy: “Musica capoverdiana preferita? Italiana?”

Joanicia: “Musica capoverdiana? Mi piace il zouk e la morna, i miei cantanti preferiti sono Cesária Évora e Ildo lobo! Invece riguardo alla musica italiana mi piace ascoltare Laura Pausini, Eros Ramazzotti, Andrea Bocelli, i primi che ho iniziato ad ascoltare arrivata in Italia”.

Sandy: “In questi giorni di pandemia, a causa del Covid-19, come state vivendo ed affrontando questo momento in Francia?”

Joanicia: “Guarda, sinceramente hanno fatto del loro meglio, è stato triste vedere tutta questa gente morire. Siamo stati a casa, con mio figlio abbiamo fatto delle attività insieme, ha imparato a contare in portoghese e in italiano. Direi che la stiamo affrontando bene”.

Sandy: “Sogni nel cassetto?”

Joanicia: “Lavorare come hostess negli aerei”.

Sandy: “Oh là là… rien ne va plus, les jeux sont faits! Bene abbiamo finito …. ti ringrazio della tua disponibilità in bocca al lupo per il tuo futuro… a presto!”

Joanicia: “Grazie a te!”

2 Comments on “Intervista a Joanicia da Cruz”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: