Caterina Campodonico “Cattainin”

A forza di vendere “reste” e canestrelli all’Acquasanta, al Garbo, a San Cipriano con vento e sole, con acqua e catinelle, per assicurare un pane alla mia vecchiaia, fra i pochi soldi, mettevo da parte quelli per tramandarmi al tempo più lontano mentre son viva, e vera genovese di Portoria: Caterina Campodonico, la paesana, 1881. Da questa memoria, se vi piace, voi che passate, pregatemi pace.”.

Caterina Campodonico, conosciuta come “La Venditrice di Canestrelli o di Nocciole”, è una delle figure più note nel Cimitero Monumentale di Staglieno di Genova.

Nacque nel 1804 nel quartiere di Portoria (zona centrale di Genova), era una donna semplice e venditrice di dolci (collane di reste/nocciole e canestrelli). Vendeva i suoi dolci nelle varie fiere e mercati del Basso Piemonte e della Liguria.

Si sposò giovanissima con Giovanni Carpi, alcoolizzato e uno sfaticato. Caterina era una donna decisa e coraggiosa per i suoi tempi e a causa delle costanti “bevute” del marito fu costretta poi nel tempo a chiedere il divorzio. Pagò un risarcimento al marito pari ai 500 euro come buonuscita.

Non era ben vista dalla sua famiglia, una donna troppo indipendente. Le sorelle erano tutte sposate e con figli; lei invece era una donna che andava in giro da sola e il suo lavoro le faceva stare in stretto contatto con gli uomini.

Nel 1880 fu colpita da una grave malattia, mentre era a letto i suoi famigliari litigavano per l’eredità. Assistendo a quelle scene di litigio, dopo la sua guarigione decise di andare dallo scultore Lorenzo Orengo per commissionargli un suo monumento funebre.

Investì tutto il suo denaro nella realizzazione del suo monumento e lasciò i parenti senza eredità. La statua ritrae Caterina con le reste e i canestrelli, la camicetta di pizzo, il grembiule, lo scialle con le frange, i gioielli e con la sottana in broccato. Fece scrivere il suo necrologico dal poeta genovese, Giovan Battista Vigo (1844-1891).

Il monumento fu completato nel 1881, venne posto nel Porticato Inferiore 13 e la Stampa all’epoca ne parlò.

Il 7 luglio del 1882 Caterina (Cattainin) lasciò questo mondo. Il suo funerale fu celebrato nella chiesa di Santo Stefano e fu sepolta lì… al Cimitero Monumentale di Genova.

Curiosità: “Si dice che alcune donne abbiano vinto un terno al lotto (gioco che si reputa nato a Genova) con i suoi numeri della sua dipartita.”.  Rita Nello Marchetti

Nella chiesa di Santo Stefano, Cristoforo Colombo è stato battezzato e forse anche il giovane Balilla.

Bibliografia:

Itinerari a Staglieno, A cura del Comune di Genova

Cimitero Monumentale di Staglieno, Arte sotto il Cielo, a cura del Comune di Genova, Servizi Civici

Caterina e l’Angelo, il volto popolare e l’anima nobile del Cimitero di Staglieno, Rita Nello Marchetti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: