Il partigiano Capoverdiano, Nicolò do Rosario.

Nicolò do Rosario

Il 4 maggio del 2015 l’Associazione Italo-Capoverdiana è stata contatta dal Signor D’Anna Silvio, volontario AVO all’Ospedale Galliera di Genova. Lui raccoglie foto delle targhe dei Partigiani caduti per liberare Italia dal Fascismo su un gruppo di Facebook (https://www.facebook.com/groups/397524347007180/).

Il signor D’Anna aveva trovato una targa quasi illeggibile all’Ospedale Galliera, angolo della via Alessandro Volta, facendo delle ricerche e contattando l’ANPI di Genova aveva scoperto che la targa era stata dedicata al partigiano Nicola Do Rosario nato a Sao Vicente, Capo Verde, il 04/09/1894, caduto in combattimento a Genova il 20/04/1945.

Ricordo quando ho letto la sua e-mail, sono rimasta molto felice e stupita da questa scoperta. Cosa ci faceva un capoverdiano a Genova in quel periodo? E come mai era un partigiano? Probabilmente perché negli anni 40 Capo Verde non era ancora una Repubblica, faceva parte del Portogallo. Forse era arrivato con qualche nave dal Portogallo al Porto di Genova?

Dopodiché abbiamo contatto l’Ambasciata della Repubblica di Capo Verde a Roma, così l’Ambasciatore all’epoca Manuel Amante do Rosario e sorpreso anche lui da questa notizia si mostrò molto interessato. Abbiamo messo in contatto il signor D’Anna con l’Ambasciata.

Successivamente è stato contatto anche il Signor Garaventa Bruno che fece una ricerca più approfondita sulla storia e vita di Nicolò do Rosario. Pubblicando poi nel tempo il libro “Storia di un uomo venuto dal mare.”.

L’Ambasciata Repubblica di Capo Verde e l’Ospedale Galliera (Ufficio Relazioni Pubbliche- URP) collaborarono insieme per il rinnovo della targa e per l’organizzazione della Cerimonia in memoria del caduto, Nicolò do Rosario.

Il 21 aprile 2016 alle ore 11 si è svolta la Cerimonia dell’inaugurazione della nuova targa.

Nota: Nella targa c’è stato un errore di dicitura, non è caduto il 20 aprile ma il 24 aprile del 1945.

La cerimonia contò con la presenza di:

Il Dott. Manuel Amante da Rosa- Ambasciatore della Repubblica di Capo Verde

Dott. Adriano Lagostena- Il Direttore Generale Ospedale Galliera

La Dott.ssa Maria Silva- Funzionaria dell’Ambasciata della Repubblica di Capo Verde

Paola Ravera- Assessore alle Manifestazioni

Per l’ANPI Genova, Arnaldo Buscaglia, membro ufficio di presidenza e della città Metropolitana di Genova

Silvio D’Anna

Bruno Garaventa

Associazione Italo-Capoverdiana rappresentato da Sandra Andrade e Doriana Brito

Fernando Frusoni (figlio del poeta italo capoverdiano Sergio Frusoni) e moglie Haydée.

Nicolò (Nicolau) do Rosario, il Partigiano Capo Verdiano

Nicolò* do Rosario è nato il 4 settembre del 1894 a Sao Vicente (in via Conselheiro Sampaio), Capo Verde. Figlio di Antonia Arcangela do Rosario. Non si ha notizie come arrivò a Genova, ma fu residente in via delle Bernardine 21/2.

Faceva parte della 863° Brigata Garibaldina SAP* “Bellucci” sotto il comando del Comandante Marollo Primiano. La mattina del 24 aprile del 1945 nelle vicinanze dell’Ospedale Galliera cadeva in combattimento, colpito da una mitraglia delle forze nemiche tedesche, lottando per la liberazione dell’Italia dal nazifascismo.  

Dopo la sua morte, i suoi compagni ammirati per il suo coraggio e per la sua determinazione nel difendere la città chiesero che gli fosse concessa una medaglia d’onore (nº 9063).

Nicolò do Rosario fu seppellito nel Cimitero Monumentale di Genova, ancora oggi si può trovare la sua sepoltura presso il Campo Perenne, riservato ai Partigiani caduti per la Libertà (Tomba 21, Fila 24).

* In alcuni documenti il suo nome è scritto Nicolò, nella sua sepoltura è scritto Nicola. Essendo capoverdiano forse si chiamava Nicolau.

*Squadra Azione Partigiani

Per approfondire consiglio il libro di Bruno Garaventa “Storia di un uomo venuto dal mare”.

Buon 25 aprile a tutti!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: